Incontro con i Millennials

Nardella: daremo 2.000 euro alle giovani mamme per ogni nuovo nato. Sulla sicurezza attacca Salvini

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

FIRENZE – «Firenze deve essere una città a misura di giovane. Abbiamo per fortuna un livello di longevità tra i più alti al mondo ma anche una bassa natalità e allora dobbiamo dare prima di tutto alle giovani donne strumenti per poter avere figli e costruire una famiglia: un contributo di  2mila euro ad ogni nuovo nato». Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella a margine di un incontro, alla sede del comitato elettorale di via del Campofiore, con i Millennials Toscana per parlare del futuro della città.

Un’altra sfida, ha sottolineato Nardella, è quella dell’ambiente: vogliamo fare di Firenze il modello nazionale ed europeo. «Tra le priorità la riduzione drastica del traffico nella nostra città, la cura del ferro attraverso un trasporto pubblico che dia risposte con un’attenzione alle fasce notturne. Su questo punto elimineremo il servizio nottetempo e lo sostituiremo col servizio notturno di tutte le linee forti di tpl, in modo da renderle sempre più adeguate all’orario che già abbiamo con le tramvie che il venerdì e il sabato arrivano oltre le due di notte». Infine tanti spazi per i giovani, luoghi legati all’arte, alla creatività, alla cultura in modo da rendere le nuove generazioni protagoniste della vita della nostra città. Insomma un pacchetto di misure e proposte che renderanno Firenze sempre più a misura di giovane. Tra le idee dei giovani per la Firenze del futuro attrezzare i parchi giochi pubblici di strutture idonee a bambini con disabilità, creare un collegamento diretto tra i poli scientifici universitari di Sesto Fiorentino e viale Morgagni attraverso un servizio gratuito esclusivo per il personale addetto e il collegamento diretto della tramvia tra Peretola e Careggi.

SICUREZZA – «Firenze aspetta da dicembre 250 agenti delle forze dell’ordine e lo stesso vale per tutte le altre città d’Italia. Assistiamo ogni giorno a episodi di violenza a Milano, a Napoli, a Firenze, a Bologna e il ministro invece di fare il suo lavoro scrive circolari inutili perché ci sono già le leggi. Una volta tanto caro ministro Salvini puoi smettere di fare campagna elettorale e cominciare a fare il ministro della Repubblica visto che gli italiani ti pagano per fare il ministro e non per inventarti slogan elettorali? Sarebbe una buona cosa per tutti i sindaci. Io sarei il primo disponibile a riconoscere i risultati – ha aggiunto – se Salvini facesse il ministro, il punto è che Salvini fa tutto tranne che il ministro, vuole fare il leader politico, vuole fare il sindaco, vuole sostituirsi ai sindaci, ai capi di Stato, basterebbe che facesse il suo lavoro».

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: