Cosa fare di giorno e di sera

Week end 25-26 maggio a Firenze e in Toscana: commemorazione strage Georgofili, notte bianca, Uffizi gratis, Passatore, spettacoli

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Primo piano

La partenza in Piazza Duomo della 100 km del Passatore

FIRENZE

Fiorentina-Genoa – La salvezza della Fiorentina dalla serie B si gioca allo Stadio Artemio Franchi alle 20.30 di domenica 26, nello stesso giorno di quasi tutte le altre partite che coinvolgono squadre a rischio retrocessione.

100 km del Passatore – Sabato 25 torna la 100 Km del Passatore Firenze-Faenza, gara podistica giunta quest’anno alla sua 47^ edizione. Partenza da Via Calzaiuoli alle 15, poi i podisti passeranno dal  Comune di Fiesoledove dalle 15 fino al termine del passaggio dei corridori la circolazione stradale subirà alcuni cambiamenti. In piazza San Domenico il transito dalla strada provinciale verrà deviato in via Badia dei Roccettini dove sarà invertito il senso unico di marcia con direzione Ponte alla Badia; in via Benedetto da Maiano il tratto compreso tra via Salviatino e via Angelico verrà chiuso al traffico. In tutte le intersezioni alla strada provinciale, comprese tra il centro abitato di San Domenico e la località Olmo, non sarà consentito l’accesso alla stessa strada provinciale. Via XXV Aprile, da Pian di Mugnone verso Fiesole, sarà chiusa al traffico in questo senso di marcia. In piazza Mino il transito sulla strada provinciale sarà deviato in via Duprè in direzione di Pian di Mugnone. Infine, in via Ferrucci sarà vietato il transito in direzione di Fiesole. Le strade verranno progressivamente riaperte al transito a partire dalle ore 17.

Palazzo Medici Riccardi ospita la Rassegna Artour-OLa Notte Bianca di Leonardo – Sabato 25 negozi aperti fino alle 23, caccia al tesoro (da soli, in squadra, in coppia e in famiglia, a a partire dalle 18: info point alla Galleria delle Carrozze) e divertimento fino a tarda sera per tutti i fiorentini nel cuore della città. La Notte Bianca di Leonardo si terrà a pochi passi dal Duomo, promossa e offerta dai negozianti e dagli artigiani che si affacciano sulle vie Ginori, Cavour e Guelfa, in una sorta di quadrilatero commerciale che dalla Galleria delle Carrozze in Palazzo Medici Riccardi si estende verso San Marco, per valorizzare le numerose ed eterogenee realtà commerciali qui residenti e ridare lustro alle vie interessate. Un’opportunità gioiosa e coinvolgente all’insegna del genio leonardesco per riscoprire persone, aneddoti, storia e arte locali, apprezzata dalla Città Metropolitana che ha concesso il proprio patrocinio. Esibizioni itineranti degli Sbandieratori e Musici della Signoria di Firenze, performance di danze e intermezzi di musiche rinascimentali, un’esposizione di macchine di Leonardo da Vinci provenienti dal vicino museo nella Galleria e infine l’esibizione, ad invito, del Florence Cello Ensamble, gruppo di violoncello del Conservatorio Luigi Cherubini.

Maggio Musicale Fiorentino – Per l’82° Festival del Maggio Musicale Fiorentino, sabato 25 alle 20 al Teatro Goldoni (via Santa Maria 15) debutta in prima assoluta «Le Leggi fondamentali della stupidità umana» di Vittorio Montalti, opera ispirata al saggio omonimo di Carlo M. Cipolla, su libretto di Giuliano Compagno e con la regia di Giancarlo Cauteruccio. Specialisti del contemporaneo sono gli esecutori, i musicisti del ContempoArtEnsamble per l’occasione diretto da Fabio Maestri. I cantanti sono Ljuba Bergamelli (l’Intelligente, soprano), Victoria Massey (il Bandito, contralto), Manuel Amati (lo Stupido, tenore) e Oliver Pürckhauer (lo Sprovveduto, basso). Biglietti esauriti per la prima, pochi per le repliche (mercoledì 29 e venerdì 31, ore 20), in vendita anche sul sito del Maggio. Domenica 26 alle 20 il Maestro Zubin Mehta torna a dirigere l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino con un programma inconsueto: l’indiano Zakir Hussain, compositore pluripremiato e gran virtuoso di tabla, tamburo tradizionale con un cerchio di pasta nera al centro della membrana, firma ed esegue il primo pezzo in programma, «Peshkar», un concerto per tabla e orchestra che si propone di stabilire un connubio tra codici stilistici orientali e occidentali. A seguire la Sinfonia n. 9 in do maggiore detta «La Grande» di Franz Schubert (1797-1828),  la cui partitura completa è datata 1828. Biglietti da 25 a 100 euro in vendita in biglietteria, nei punti Box Office e direttamente sul sito del Maggio

Corteo per il 20° della strage di via dei GeorgofiliLa commemorazione della strage dei Georgofili – Domenica 26 alle 21 in Piazza Signoria (in caso di pioggia: Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento) si terrà, a ingresso libero, un evento commemorativo della strage di Via dei Georgofili del 1993. Alle 21 la serata si aprirà con la performance musicale del Liceo Leonardo da Vinci, sotto la direzione artistica di Edoardo Ballerini e Federico Mariano. In programma brani classici, jazz e rock. Con Edoardo Ballerini si esibirà anche Fiamma Boccia, terzo posto all’Eurovision Song Contest Junior 2016. Alle 21.45 i saluti delle Istituzioni: Cafiero De Raho (Procuratore Nazionale Antimafia) e Giovanna Maggiani Chelli (Associazione Tra i familiari della strage di via dei Georgofili). Alle 22:15 l’opera «Pagliacci» di Ruggero Leoncavallo, con l’Orchestra del Carmine diretta da Fabiano Fiorenzani, i Cori di voci bianche ViviLeVoci e Pescetti (Maestro del Coro Viviana Apicella) e il Coro di San Francesco e Santa Chiara a Montughi (Maestro del Coro Enrico Rotoli). Fra i protagonisti Thalida Fogarasi (Nedda), Enrico Nenci (Canio), Lisandro Guinis (Tonio). Alle 1.00 partirà il corteo formato dai Gonfaloni del Comune di Firenze, della Città Metropolitana e della Regione Toscana, con i labari delle Associazioni di Volontariato. Infine, alle 1:04, ora dell’esplosione in Via dei Georgofili, sarà deposta una corona d’alloro sul luogo dell’attentato.

Ville e Giardini incantati – Inizia sabato 25 alle 21.30 alla Villa medicea della Petraia la terza edizione della rassegna di musica da camera e itinerari d’arte «Ville e Giardini incantati», nata dalla collaborazione tra la Fondazione ORT e il Polo museale della Toscana. di Cerreto Guidi, di Poggio a Caiano e nel Giardino della Villa di Castello. La prima data è «Archi in amore», con Daniele Giorgi primo violino e concertatore. In programma J.S. Bach, Concerto per violino, archi e basso continuo BWV 1041 e Concerto per violino, archi e basso continuo BWV 1042 e Mozart, Divertimento per archi e due corni K.334. Posto unico 12,50 euro (comprese commissioni). I biglietti possono essere acquistati presso: – la Biglietteria del Teatro Verdi (tel. 055 212320, via Ghibellina 97, dal lun al sab 10-13 e 16-19), il circuito Box Office, su www.ticketone.it e sul luogo prima del concerto (se non esauriti in prevendita, consigliata vista la limitata capienza e il probabile aflusso di pubblico).

Il contrabbasso di Bocini – Domenica 26 e lunedì 27 alle 21 al Cenacolo di Santa Croce (Piazza S. Croce, 16), concerto in collaborazione con Maggio Musicale Fiorentino Dell’Orchestra da camera fiorentina diretta da Giuseppe Lanzetta; solista al contrabbasso Alberto Bocini, a lungo primo contrabbasso dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, oltre che  dell’Orchestra di Santa Cecilia, del Teatro alla Scala e della London Symphony Orchestra. Ad esaltare le sue doti saranno il “Concerto per contrabbasso e archi in si minore” di Giovanni Bottesini (il Paganini del contrabbasso) e la “Xuite 0” per contrabbasso amplificato e orchestra a firma dello stesso Bocini. Il programma continuerà con la “Sonata a preghiera” di Niccolò Paganini – sul tema “Dal tuo stellato soglio” di “Mosè in Egitto” di Gioachino Rossini – e la “Holberg Suite” di Edvard Grieg. Biglietti 20/15 euro. Ingresso gratuito fino a 12 anni. Prevendite Box Office e www.ticketone.it.

Le ragazze di San Frediano al Niccolini – Al Teatro Niccolini (via Ricasoli 3) sabato 25 e domenica 26 alle 19 iNuovi mettono in scena «Le ragazze di Sanfrediano», uno dei più popolari romanzi di Vasco Pratolini, risultato di un lungo laboratorio di drammaturgia guidato da Nicola Fano, che ha coordinato un allestimento che vuole rendere omaggio a un narratore e a una città, rimettendo l’una e l’altro al centro dell’attenzione del pubblico e proponendo, come faceva Pratolini, la città di Firenze come una metafora di un’Italia che stava abbandonando vecchi cliché senza ancora averne, pienamente, identificati di nuovi. Con Maddalena Amorini, Maria Lucia Bianchi, Alessandra Brattoli, Federica Cavallaro, Beatrice Ceccherini, Anastasia Ciullini, Davide Diamanti, Fabio Facchini, Ghennadi Gidari, Francesco Grossi, Filippo Lai, Athos Leonardi, Claudia Ludovica Marino, Luca Pedron, Laura Pinato, Vittorio Pissacroia, Nadia Saragoni, Sebastiano Spada, Filippo Stefani, Erica Trinchera, Lorenzo Volpe. I costumi sono del Laboratorio d’Arte del Teatro della Pergola, le scene di Federica Elisa Francolini. Biglietti 15 / 12 euro. Prevendita Teatro della Pergola, Box Ofie e online.

Il compleanno delle Oblate con la Fuochi e Cauteruccio – Sabato 25 alla Biblioteca delle Oblate (via dell’Oriuolo, 24) l’Associazione Culturale La Nottola di Minerva presenta la III edizione di Reading in the Sound, evento Speciale in occasione del compleanno delle Oblate. Alle 17 Presentazione del libro di Renato Ranaldi «Forse Piove»; l’autore dialogherà col filosofo Sergio Givone, il critico d’Arte Bruno Corà e l’architetto Francesco Gurrieri; alle 18 saluto delle Istituzioni e inaugurazione dell’installazione Plein Air nel chiostro (che rimarrà esposta fino al 29 luglio). Letture di Giancarlo Cauteruccio e sonorizzazioni dal vivo a cura di Letizia Fuochi e Oretta Giunti (voce e percussioni). A seguire taglio della torta e brindisi offerto dalla Caffetteria delle Oblate. Ingresso libero.

Fabbrica Europa – Sabato 25 alle 19 e alle 21 al PARC Performing Arts Research Centre (Piazzale delle Cascine) Company Blu in Sea Rant

Le mille e una notte – Da domenica 26 a mercoledì 29 maggio, alle 18.15, alla Terrazza del Parco monumentale di Villa Bardini la Compagnia Lombardi/Tiezzi presenta «Le mille e una notte    175, con la narrazione di David Riondino e il canto ammaliatore di Francesca Breschi (lo spettacolo si terrà anche in caso di maltempo).

Omaggio a Modugno con la Castelli – Al Circolo Ricreativo Culturale 25 Aprile (Via Bronzino 117) domenica 26 alle 19 «Cosa sono le nuvole. Omaggio a Domenico Modugno» con Anna Maria Castelli, voce, Adriàn Fioramonti, chitarra, Thomas Sinigaglia, fisarmonica, Stefano Rapicavoli, batteria. Per il dopo, all’interno del Circolo ci sono aperitivo o cena al Kilometrozero. Prenotazioni al 333 7011699.

Innocenti – Domenica 26 all’Istituto degli Innocenti (Piazza SS. Annunziata 12), in occasione delle celebrazioni del seicentenario dell’istituto, La Compagnia delle Seggiole presenta «Una donna innocente. Viaggio teatrale all’interno dell’Istituto degli Innocenti di Firenze», con Marcello Allegrini, Fabio Baronti, Chiara Macinai, Sabrina Tinalli, Silvia Vettori. Testo e Regia di Giovanni Micoli, costumi di Giancarlo Mancini, realizzazione costumi di Pino Crescente. Le vicende di una madre disperata che, in una notte alla fine del ’400, affida la sua piccola Lucrezia alle cure dell’Ospedale degli Innocenti. L’accoglienza della bambina, l’affidamento a balia, la scoperta di un inganno e la crescita dell’innocente sono i fili di una trama tessuta e svelata all’interno dell’istituto che, nato nel cuore della Firenze rinascimentale, sarà modello nei secoli per la tutela dell’infanzia abbandonata. Spettacolo limitato a gruppi di 50 persone. Tre repliche a sera: ore 18, 19 e 20. Biglietto intero 180 euro, ridotto 15 euro. Info e prenotazioni tutti i giorni dopo le 14 al n. 333 22 84 784. Presentando al Museo degli Innocenti il biglietto dello spettacolo entro i 7 giorni successivi, si ha diritto all’ingresso gratuito.

Requiem di Verdi in Santa Maria Novella – Sabato 25 alle 21.15 nella Basilica di Santa Maria Novella Messa da Requiem di Giuseppe Verdi con l’Orchestra Domenico Scarlatti diretta da Maurizio Preziosi e il Coro Schola Cantorum Labronica. Solisti Silvia Pacini (soprano), Ramona Peter (mezzosoprano), Giovanni Cervelli (tenore), Romano Martinuzzi (basso). Maestro Collaboratore Saverio Mancuso. Ingresso libero.

Lobe den Herren – Domenica 26 alle 21.15 nella Basilica di San Lorenzo « Lobe den Herren», concerto finale del progetto «Der Geist von Bach». Musiche di J. S. Bach.

Firenze Flower Show – La prima edizione di Firenze Flower Show, mostra mercato di piante rare ed inconsuete, arriva sabato 25 e domenica 26 nel bellissimo Giardino Corsini (Porta al Prato, ingresso da via della Scala, 115). Molte le attività collaterali che coinvolgeranno grandi e piccini in corsi di giardinaggio, dimostrazioni creative, laboratori didattici.

Sulle orme di Leonardo – Dal quartiere di Sant’Ambrogio dove Leonardo mosse i primi passi nel mondo dell’arte grazie al maestro Verrocchio, fino al Monastero di Sant’Orsola dove visse la celebre modella della Gioconda: sono solo alcune delle tappe dell’itinerario fiorentino nei luoghi del genio di Vinci in programma per domenica 26 a cura di Enjoy Firenze®; il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Firenze e della Toscana in compagnia di esperti e archeologi curato da Cooperativa Archeologia (programma completo su www.enjoyfirenze.it, ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407).

Goldoni al Cestello – Fino a domenica 26 al Teatro di Cestello va in scena Le smanie per la villeggiatura di Goldoni, in  rilettura attualizzata agli anni del boom economico, con qualche aggiornamento testuale. www.teatrocestello.it

Spazi estivi – Sabato 25 alle 19 al Flower a Piazzale Michelangelo Jazz Parking, appuntamento che vede protagonisti musicisti della vecchia e della nuova generazione all’interno dell’associazione Cambiamusica Firenze, che hanno come comune denominatore la ricerca musicale, la sperimentazione e l‘improvvisazione. Sul palco Francesco Pantusa al sax e Bernardo Sacconi al contrabbasso. Cinque mesi di concerti, cinema, teatro, incontri e un punto ristoro immerso nel polmone verde di Firenze Sud: riparte la stagione di Anconella Garden (accesso da via di Villamagna 39/d), spazio da vivere per tutta la stagione con gli amici e la famiglia, dal pomeriggio alla sera. Si comincia sabato 25 con l’opening a tutto relax in reggae time, grazie alla performance live di Dr Giobby e Leo Boni (ore 17). Il weekend proseguirà con il doppio concerto di Aida e Glinstabili domenica 26 alle 22, per il ciclo dedicato alla musica emergente d’autore. Ingresso libero. Altrei spazi già aperti: Utopiko,  in via Fabrizio de Andrè, adiacente al TuscanyHall, Bistrot Mediterraneo & Cocktail bar, con eventi ricreativi, culturali e musicali, dal 16 maggio all’11 settembre; il Giardino dell’Artecultura dentro il Giardino dell’Orticultura all’inizio di via Bolognese musica, arte, cultura, mercatini, laboratori dal 19 maggio all’8 settembre; come da tradizione, ogni giorno della settimana sarà dedicato a un differente genere artistico e culturale. Caffetteria aperta dalle 10 alle 23.30; spazio bio. Aperto dalle 17 alle 1 anche Light – Il Giardino di Marte, ai giardini di Campo di Marte, spazio polivalente per aperitivo, cena, concerti, dj set, proiezioni e spettacoli dal vivo. Infine Serre Torrigiani in Piazzetta, lo spazio nella centralissima Piazzetta dei Tre Re.

Mostre – Dipinti, sculture e disegni, per un totale di 120 opere provenienti da oltre 70 tra musei e collezioni private, per la prima mostra mai dedicata ad Andrea del Verrocchio, artista simbolo del Rinascimento e maestro di Leonardo, inserita tra gli eventi per le celebrazioni dei 500 anni dalla morte del Genio di Vinci. È l’esposizione, a cura di Francesco Cagliotti e Andrea de Marchi, ospitata dal 9 marzo al 14 luglio a Palazzo Strozzi e che avrà anche due sezioni speciali al museo del Bargello. Tra le opere in mostra anche sette opere degli esordi di Leonardo. Alcune opere inamovibili sono nella Basilica di San Lorenzo a Firenze e sono oggetto del fuori mostra.

Nella mostra «Lessico femminile» a Palazzo Pitti 70 anni di emancipazione femminile tra Otto e Novecento, dalle lotte per il lavoro al Nobel per la Deledda. Una mostra dedicata all’impegno professionale e al talento delle donne in Italia, dall’iscrizione di alcune lavoratrici alla Fratellanza Artigiana nel 1861 al Nobel a Grazia Deledda nel 1926 per il romanzo Canne al Vento. La mostra, realizzata in collaborazione con Advancing Women Artists, si sviluppa scenograficamente attorno ad un nucleo centrale di opere di grandi dimensioni, così da far emergere le protagoniste femminili come sul palcoscenico di un teatro. Il percorso prosegue nelle collezioni della Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti – dove è custodita una delle più significative raccolte sul tema del lavoro delle donne nei campi fra Ottocento e Novecento – attraverso un fil rouge visuale con didascalie e focus, oltre a una proiezione multimediale dedicata alle donne nei loro ambienti di lavoro. Dal 7 marzo al 26 maggio.

A Palazzo Vecchio, nella Sala dei Gigli, dal dal 29 marzo al 24 giugno 2019 c’è la mostra «Leonardo da Vinci e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico», che espone dodici carte vergate da Leonardo da Vinci (di cui ricorre il quinto centenario della morte), provenienti dalla Biblioteca Ambrosiana di Milano e proposte in un percorso a cura di Cristina Acidini. Un codice di bel 1119 fogli suddivisi in 53 cartelle: la più ampia raccolta di disegni e scritti di Leonardo da Vinci.

“Heroes – Bowie by Sukita”, è una mostra dedicata dal 30 marzo al 28 giugno a David Bowie, icona della cultura pop, ritratto dal maestro indiscusso della fotografia giapponese Masayoshi Sukita. Promossa e organizzata da OEO Firenze Art e Le Nozze di Figaro srl  con Città Metropolitana di Firenze e Comune di Firenze in Palazzo Medici Riccardi (via Cavour 1), la mostra è a cura di Ono Arte Contemporanea ed è realizzata in collaborazione con Mus.e. Nelle sale del piano terra si potranno ammirare non solo gli scatti iconici che illustrarono la copertina dell’album “HEROES”, ma anche fotografie storiche tratte dall’archivio personale di Sukita che raccontano un’amicizia iniziata negli anni Settanta. 90 fotografie, alcune delle quali esposte in anteprima nazionale, per ripercorrere un sodalizio durato oltre quarant’anni tra Bowie, uno dei più rivoluzionari artisti del XX secolo e l’artista fotografo Sukita, che verrà a Firenze il 25 maggio per incontrare il suo pubblico.  Nel corso dei tre mesi di esposizione, molti saranno gli eventi collaterali tra cui i concerti acustici nel segno di Bowie nel cortile del palazzo a cura de Le Nozze di Figaro. Ingresso 10 / 6 euro; gratis ragazzi fino a 17 anni. Dalle 9 alle 19, mercoledì chiuso.

Dal 6 aprile al 30 luglio al Museo Horne c’è la mostra Souvenir d’Italie, su come gli artisti hanno visto l’Italia, i suoi monumenti, i suoi paesaggi nel corso dei secoli.

Una ventina di dipinti di Giorgio Morandi sono in mostra dal 16 marzo al 27 giugno al Museo del Novecento (Piazza Santa Maria Novella, 10). Sergio Risaliti si è affiancato per l’occasione Cristina Bandera, direttore scientifico della Fondazione Roberto Longhi di Firenze, che presta non solo 5 dipinti e 3 disegni ma anche il filmato e l’originale manoscritto (Exit Morandi, che dà il titolo all’esposizione) con cui Longhi piangeva nel 1964 la scomparsa dell’artista. Altri 4 dipinti appartengono alla collezione Alberto Della Ragione, nucleo fondante del Museo Novecento. Fra questi un acquerello datato 11 aprile 1918 con una delle rare figure umane dipinte da Morandi. Molti dei dipinti esposti provengono dalle collezioni private di quattro fra i maggiori critici d’arte del Novecento: Longhi, Cesare Brandi, Francesco Arcangeli e Carlo Ludovico Ragghianti. Orario: tutti i giorni 11-19, giov 11-14.

la Collezione Roberto Casamonti allestita al Piano Nobile di Palazzo Bartolini Salimbeni (Piazza di Santa Trinita, 1), storico edificio rinascimentale opera di Baccio d’Agnolo, si rinnova totalmente con l’obiettivo di presentare e mettere a disposizione dei visitatori il fior fiore dell’ampia Collezione personale, raccolta dal noto gallerista fiorentino in 40 anni di appassionate ricerche. Nel primo anno sono stati esposti i capolavori della prima metà del Novecento, accolti con notevolissimo interesse da pubblico e critica. Ad essere rivelata da domenica 26 maggio è l’arte della seconda parte del secolo a partire dalla fine dagli anni Sessanta. www.collezionecasamonti.com

Dal 18 maggio all’1 giugno gli antichi armadi del Guardaroba storico di Montedomini (via dei Malcontenti 6) ospiteranno «La spesa. Non siamo ciò che mangiamo», mostra fotografica di Oriente Plazzi Marzotto a cura di Milena Zunino. La giovanissima artista costruisce 32 immagini in cui il corpo femminile è in stretta relazione con una serie di alimenti, a volte mimati, a volte solo evocati. Accompagnati da didascalie estratte da interviste fatte dalla Plazzi Marzotto a ragazze che soffrono di disturbi alimentari, i fotogrammi in mostra suscitano in chi li osserva emozioni ambivalenti. Ad un primo sguardo possono apparire bizzarri, quasi giocosi, ma poi lasciano subentrare sensazioni più ombrose, dall’angoscia a una sorta di vuoto silente. Tutti i giorni dalle 14 alle 18. Inaugurazione sabato 18 maggio alle 17.

A PIA Palazzina Indiano Arte nel Parco delle Cascine, nuova programmazione estiva a cura di Centro nazionale di produzione/Virgilio Sieni, con mostre a rotazione. Ingresso libero. Sabato 25 e domenica 26 performances, laboratori per bambini e massaggi shatsu (10 euro 20′).

In occasione del 75° anniversario della liberazione dall’occupazione tedesca, Fiesole celebra il suo Monumento ai Tre Carabinieri, l’imponente scultura in bronzo creata nel 1964 da Marcello Guasti per la nuova terrazza panoramica ideata da Giovanni Michelucci nel Parco della Rimembranza. L’opera, realizzata a vent’anni dall’eccidio, ricorda il sacrificio dei tre militari Alberto La Rocca, Vittorio Marandola e Fulvio Sbarretti, che avevano aiutato i partigiani impegnati contro le forze straniere e furono per questo trucidati dai nazisti il 12 agosto del 1944. Nella Sala Costantini, prima parte della mostra “Marcello Guasti, Giovanni Michelucci e il Monumento ai Tre Carabinieri”, intitolata “La genesi del Monumento: ‘Slancio verso l’infinito’”; dall’11 maggio nei suggestivi spazi del Museo Civico Archeologico, inaugurazione della seconda parte, “Guasti e gli artisti suoi contemporanei in dialogo con l’antico”. Entrambe le sedi resteranno aperte fino al 30 settembre 2019. La mostra è promossa dal Comune di Fiesole e dalla Fondazione Giovanni Michelucci.

Negli spazi della Galleria Poggiali di Firenze (Via della Scala, 35/A e Via Benedetta, 3r) c’è la mostra di Claudio Parmiggiani dal titolo «A cuore aperto», a cura di Sergio Risaliti. Nato a Luzzara (RE) nel 1943, Parmiggiani è uno tra i maggiori protagonisti dell’arte contemporanea internazionale e, dopo la prima personale in un museo americano al Frist Art Museum di Nashville, propone un gruppo di sue opere in un progetto appositamente concepito per la galleria fiorentina, per quella che è la sua prima vera personale a Firenze. La mostra, che è a ingresso libero, proseguirà fino al 29 ottobre.

Al Museo del tessuto di Prato (via Puccetti 3) c’è la mostra “Leonardo Da Vinci, l’ingegno, il tessuto”. Fino al 26 maggio.

L’artista bambino. Infanzia e primitivismi nell’arte italiana del primo Novecento: è questo il titolo della mostra che la Fondazione Ragghianti ospita nella sua sede di Lucca, nel complesso monumentale di San Micheletto, dal 17 marzo al 2 giugno 2019. Info sul sito della Fondazione.

FIESOLE (FI)

Domenica 26 alle 11, alla Limonaia di Villa La Torraccia (via delle Fonticine 24) torna l’inusuale colore musicale di Jazz Anatolia, un gruppo che porterà a Fiesole la musica turca con armonie jazz. Aziz Şenol Filiz suona il ney, l’antico strumento a fiato ricavato da una canna svuotata e utilizzato da sempre nella musica tradizionale turca. Saranno protagonisti anche la chitarra di Andrea Mucciarelli, il contrabbasso di Giacomo Rossi e le percussioni di Ettore Bonafé, con un piccolo intervento di Nuriye Canan Filiz, figlia di Aziz e studentessa di violoncello presso la Scuola. Ingresso libero.

SESTO FIORENTINO (FI)

All’ Istituto Ernesto de Martino (Villa San Lorenzo al Prato, via Scardassieri, 47 Sesto Fiorentino,. 0554211901 www.iedm.it) sabato 25 alle 21.15, per l’edizione 2019 del festival “InCanto”, I Disertori e Gianni Calastri in “ Che matti! Voci e suoni dal manicomio”. A distanza di 40 anni dalla Legge 180 che ha aperto i cancelli dei manicomi, un omaggio a tutte le persone che sono state recluse in questi luoghi attraverso uno spettacolo teatrale-musicale. Oggetto dello spettacolo saranno lettere mai spedite, testimonianze, lamentazioni, appunti, riflessioni e poesie di donne e uomini le cui voci ancora risuonano all’interno di quelle mura ma che rischiano di scomparire con l’inesorabile decadere della memoria e delle strutture. I documenti fanno parte di una ricerca di archivio condotta negli ex OP di Siena e di Volterra. La parte musicale curata da I Disertori, declinerà “Il senso del ricordo, il senso della memoria” attraverso brani che partono dal repertorio popolare toscano fino a quello dei cantautori contemporanei. Iingresso 5 euro

MALMANTILE (FI)

Si svolgerà sabato 25 maggio dalle 19, domenica 26 dalle 16 e sabato 1 e domenica 2 giugno dalle 16 nella cornice delle antiche mura del Castello la XXVI edizione della Festa Medioevale di Malmantile, promossa dalla Misericordia in collaborazione con l’amministrazione comunale. Dame, cavalieri, musici, saltimbanchi, arcieri accoglieranno i visitatori.

BROZZI (FI)

45ª edizione della Sagra del Ranocchio di Brozzi, nel comune di Firenze. Come da tradizione, l’evento avrà luogo nei due fine settimana a cavallo tra maggio e giugno: sabato 25 e domenica 26 maggio e sabato 1 e domenica 2 giugno.

SETTIGNANO (FI)

Alla Casa del Popolo (via San Romano 1) domenica 26 alle 17 concerto per quartetto d’archi: Contrappunto n° 4 dall’arte della fuga di Bach e Quartetto D 804 Rosamunde di Schibert. Ingresso libero.

AUTOSTRADA A1 FIRENZE-BOLOGNA

Ciclisti in autostrada. Per consentire il passaggio della pedalata amatoriale sulla A1 Milano-Napoli Panoramica, dalle 07.30 alle 15 di sabato 25 saranno adottati alcuni provvedimenti di chiusura. Sarà chiuso il tratto compreso tra l”allacciamento con la A1 Milano-Napoli Direttissima/Località Baccheraia e Pian del Voglio, verso Bologna; sarà chiuso il tratto compreso Pian del Voglio e Località Aglio, verso Firenze, con uscita obbligatoria alla stazione autostradale di Pian del Voglio; ed ancora la stazione di Roncobilaccio, in uscita e in entrata, da e verso entrambe le direzioni/provenienze – Bologna e Firenze e sarà chiusa la stazione di Pian del Voglio, in entrata verso Firenze e in uscita per chi proviene da Firenze; saranno chiuse le aree di servizio Roncobilaccio est e Roncobilaccio ovest, situate tra Barberino e Roncobilaccio, verso Bologna e Firenze.

PRATO

A Prato, in viale Montegrappa, sabato 25 e domenica 26 Festa della ciliegia di Vignola IPG.

PISTOIA

Associazione Culturidea e Fondazione Luigi Tronci hanno voluto dedicare una serata al connubio tra musica, poesia, teatro. Così sabato 25 alle 21.30 in corso Gramsci 37 arriva “La sposa infedele”, il cui titolo si ispira a Garcia Lorca.

LUCCA

Nella Chiesa di Santa Maria dei Servi, domenica 26 alle 18, «Da Lucca all’Europa». Concerto nel giorno del rinnovo del parlamento europeo. Ensemble Nuove Assonanze diretto da Gianmaria Griglio. Musiche di Luigi Boccherini, Isaac Albéniz, Maurice Ravel, Francesco Barsanti, Wilhelm van Wassenaer, Francesco Xaverio Geminiani. Ingresso a offerta libera.

LIVORNO

Nell’Area live di Percorsi musicali Livorno (via delle Sorgenti, 183) domenica 26 a mezzogiorno Maria Maddalena Adorni in «Cantando Alan Menken». Un viaggio attraverso i successi di un autore di colonne sonore cinematografiche (fra cui quelle di moltissimi film d’animazione della Disney) e di musical vincitore di ben 8 premi Oscar. Pianoforte Carlo Bosco. Ingresso 10 euro.

CASTELLINA IN  CHIANTI (SI)

Nella Chiesa del SS. Salvatore (via Toscana 10) domenica 26 alle 17 Rassegna Internazionale di Canto Corale. Ingresso libero.

SIENA

Al Teatro dei Rozzi sabato 25 alle 11 inizia, con una live performance di Unterwasser, l’ultimo giorno della sesta edizione della rassegna In-Box dal Vivo, progetto sostenuto dal Comune di Siena che con la sua natura ibrida di concorso, vetrina e festival di teatro contemporaneo, attira da anni nella città toscana artisti, operatori del settore e pubblico. A seguire la giuria distribuirà fra i 6 finalisti le 52 repliche in palio (ogni teatro sceglie in autonomia cosa acquistare) e alle 13, presso la Contrada della Selva, ci sarà la Proclamazione del Vincitore In-Box ’19 (spettacolo con più repliche assegnate). Informazioni 371 1618585.

CASTIGLION FIORENTINO (AR)

Sabato 25, domenica 26 e sabato 1 e domenica 2 giugno XVIII° Festa Medievale BiancoAzzurra Castiglion Fiorentino (AR), organizzata dal Rione Cassero: la Festa si svolge sulla sommità della collina su cui si trova Castiglion Fiorentino, proprio su quella che era la Piazza d’armi del Castrum già nell’XI secolo. Vengono allestite taverne nelle quali si possono degustare le specialità della cucina locale, quella della Val di Chiana, annaffiate da ottimo Chianti. Il visitatore, che entra liberamente nel Piazzale del Cassero, può assistere a spettacoli di falconeria, giocoleria, musici, spadaccini, sbandieratori, mangiatori di spade, giullari tra i più rinomati del panorama nazionale. Si arriva facilmente sia da nord che da sud con uscita sull’A1 in località Monte S. Savino; confinante con Arezzo, Castiglion Fiorentino si trova al centro del triangolo Firenze-Siena-Perugia. La manifestazione è iscritta all’Albo delle manifestazione storiche della Regione. Ingresso libero. Per informazioni: info@festamedievale.it – +39 3317972504

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: