Firenze, Maggio Musicale: in attesa di Mehta-Baremboim, si ascolta Ludovica Vincenti al fortepiano

Daniel Baremboim e Zubin Mehta

FIRENZE – Grande attesa per il concerto di domenica 2 giugno alle 20 con Zubin Mehta alla guida dell’Orchestra del Maggio, che per il Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra  in do minore op. 37 di Ludwig van Beethoven avrà come solista l’amico di una vita, Daniel Baremboim. In programma anche un interessante pezzo del 1925 di Edgard Varèse, «Intégrales», e «Shéhérazade» op. 35 di Nicolaj Rimsky-Korsakov, fantasmagorica suite sinfonica ispirata alle «Mille e una notte». Biglietti esauriti da tempo.

Ce n’è ancora qualcuno, invece, per il concerto di venerdì 31 maggio alle 20 nella Sala Orchestra del Teatro del Maggio, in collaborazione con l’Accademia Bartolomeo Cristofori: la pianista Ludovica Vincenti, su un fortepiano John Broadwood, esegue di Muzio Clementi la Sonata in sol minore op. 34 n. 2 e il Capriccio in mi minore op. 47 n. 1; di Carl Maria von Weber la Sonata in do maggiore op. 24. Posto unico 15 euro; biglietti acquistabili anche sul sito del Maggio

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Piazzale Vittorio Gui, 1)

82° Festival del Maggio Musicale Fiorentino, Accademia Bartolomeo Cristofori, Daniel Baremboim, Firenze, fortepiano, Ludovica Vincenti, Musica, zubin mehta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080