Nel 1959 il primo concorso

Polizia: i 60 anni delle donne nel Corpo celebrati da Gabrielli e dall’On. Carfagna

di Redazione - - Cronaca

ROMA – «Il nostro è il corpo armato con più donne: più di 16.000,di cui il 35% lavora in ambito dirigenziale. Nel 1961 una donna, per la prima volta, varcò i nostri uffici, ma fino al 1981 ebbe un ruolo ancillare, circoscritto a temi di moralità pubblica. Da quel momento in poi, invece, le donne ebbero accesso a tutte le qualifiche. L’anno scorso abbiamo infine rotto l’ultimo tabù: molte donne sono finalmente entrate nei reparti mobili». Lo dice il Capo della Polizia Franco Gabrielli in occasione della celebrazione dei 60 anni dall’ingresso delle donne in polizia alla Camera dei deputati.
Oltre a Gabrielli, sono intervenuti la vicepresidente della Camera Mara Carfagna, Maria Luisa Pellizzari, direttrice della formazione della Polizia e Nunzia Ciarli, capo della polizia postale. Ha moderato l’evento la giornalista Laura Chimenti.

Per Mara Carfagna, «le donne in polizia rappresentano al meglio i valori della forza dello Stato, della protezione dei più deboli, della fedeltà alla Costituzione. Il loro è un contributo prezioso. Il 1959, grazie all’allora Capo della Polizia Giovanni Carcaterra, ha rappresentato un momento glorioso: finalmente le donne erano pari agli uomini in un lavoro da sempre considerato maschile. Lo Stato è anche delle donne. Grazie a loro si contribuì all’abolizione delle case chiuse in seguito alla legge Merlin. Poi, nel 1981, il Corpo di Polizia femminile venne integrato nella Polizia di Stato. E’ una pagina di cambiamento di cui essere fieri».

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: