L'operazione della Guardia di Finanza

Viareggio: artisti famosi nei guai per 6 milioni di redditi nascosti. Ma si accordano per pagare

LUCCA – La Guardia di Finanza ha fatto contestazioni pesanti: 6 milioni di redditi nascosti al fisco e oltre 350 mila euro di Iva mai pagata. Nel mirino delle Fiamme Gialle di Viareggio tre artisti, tutti di fama internazionale, che vivono e lavorano in Versilia, ma che erano completamente sconosciuti al fisco. Uno di loro, in particolare, da anni ha la sua residenza in Versilia e opera, spiega una nota della gdf, servendosi delle più note fonderie artistiche e di esperti artigiani della zona. Le sue sculture, di grandi dimensioni, sono esposte nelle gallerie e nelle strade di importanti città, anche in capitali europee.

Uno dei tre, di origine straniera è risultato operare in Italia attraverso una società a lui riconducibile, e proprio alla società sono stati contestati costi non deducibili e rettificati i valori delle rimanenze finali delle opere d’arte. Secondo quanto riferito in ambienti del fisco, i tre artisti avrebbero già trovato un accordo con l’Agenzia delle entrate per il pagamento delle somme dovute.

agenzia delle entrate, artisti, Fisco, Guardia di Finanza, redditi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080