Scuola: Anief, oltre ai concorsi si riaprano le graduatorie dei precari

Il nuovo ministro dell’Istruzione sembra molto attivo, talvolta anche troppo, e dopo aver innescato la polemica sul divieto delle merendine per gli scolari cerca, finora senza successo, di rimediare ainguasti dei precedenti governi, in particolare a quelli derivanti dalla Buona Scuola di Renzi. Anche quest’anno infatti numerose scuole stanno cercando di coprire le cattedre e si fa abbondante ricorso alle supplenze, come avvenuto sempre in passato. Niente di nuovo sotto il sole, col governo giallorosso auemtano i migranti e i precari.

L’Anief interviene sulla contrattazione in corso tra Miur e sindacati, che a breve portera’ alla stipula del documento che il ministro dell’Istruzione vuole portare con urgenza in CdM: Anief apre «alle procedure selettive, ordinarie e straordinarie, a patto che si tutelino i precari storici, finoad oggi lasciati ai margini dopo che hanno permesso e continuano a permettere il regolare svolgimento delle lezioni».

Secondo ilpresidente Marcello Pacifico «va bene affrontare nel decreto anche il tema dei percorsi abilitanti, pero’ questo deve avvenire in modo finalmente strutturale. Non si risolve, di certo, il problema della supplentite cronica solo attraverso la possibilita’ di conseguire nuove abilitazioni. Quello che serve, pima di tutto, è l’assorbimento del precariato esistente».

Tra le condizioni poste dall’organizzazione sindacale vie’ quella di «estendere il doppio canale di reclutamento alla seconda e terza fascia d’Istituto laddove risultino esaurite le GaE, le ex graduatorie permanenti che da anni, poiche’ bloccate in entrata, non riescono piu’ a tenere in piedi il sistema». Tra lenorme d’urgenza «si dovrebbero anche approvare le immissioni in ruolo dirette di tutti i vincitori e idonei dei concorsi ordinarie straordinari, anche nelle regioni dove le graduatorie risultano gia’ esaurite e quindi prive di candidati».

Tutti palliativi, una soluzione del problema scuola è di là da venire.

concorsi, graduatorie, scuola

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080