Le parole del proprietario

Roma: altro rogo vicino alla Pecora Elettrica. A fuoco il Baraka Bistrot

di Redazione - - Cronaca, Economia

ROMA – Altro incendio di un locale a Centocelle dove alcuni giorni fa un rogo aveva distrutto la libreria antifascista ‘La Pecora elettrica’, già data alle fiamme mesi fa. Ad andare a fuoco il Baraka Bistrot in via dei Ciclamini. Dai primi accertamenti l’atto potrebbe essere doloso: la serranda è stata divelta e ci sono tracce di liquido infiammabile. Sul posto polizia e carabinieri. Con questo sono quattro i locali andati a fuoco nel quartiere di Centocelle in pochi mesi.

«Ho chiuso il locale alle tre meno un quarto e sono andato a casa. Alle 4.20 mi chiamano quelli del sistema di allarme, dicendomi che sentono dei rumori. Mi precipito in macchina al locale e quando arrivo vedo la serranda alzata da terra, la porta aperta e fuoco dappertutto. In un paio di minuti poi sono arrivati tutti, vigili del fuoco, carabinieri. E’ tutto distrutto». E’ il racconto all’Adnkronos del proprietario del Baraka Bistrot, il locale andato a fuoco questa mattina prima dell’alba a Centocelle, periferia est della capitale. «Abbiamo aperto da pochi mesi, a settembre. Non me lo spiego. Io sononeutro, non sono schierato, non do fastidio a nessuno. Certo abbiamo espresso solidarietà alla ‘Pecora elettrica’, sta vicino a noi, ma proprio non riesco a capire. Di sicuro quando sono arrivato la strada era deserta, la serranda era strappata da terra, di sicuro non può essersi alzata da sola».

 

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: