Venerdì 15 e sabato 16 novembre

Firenze: al Teatro di Rifredi due serate di danza con Opus Ballet

FIRENZE – Serata europea per la Compagnia Opus Ballet diretta da Rosanna Brocanello, che presenta al Teatro di Rifredi venerdì 15 e sabato 16 novembre un programma che riunisce quattro coreografi europei, fedeli collaboratori della Maestra genovese. Si tratta degli italiani Loris Petrillo e Angela Placanica, della francese Aurelie Mounier e del portoghese Gustavo Oliveira che propongono cinque coreografie caratteristiche dello stile personale di ciascuno di loro, dalla teatralità di Petrillo alla morbida fluidità di Placanica, dal lirismo di Mounier all’energia vigorosa di Oliveira.

Caravan, col suo taglio espressionista dai colori a tratti grotteschi e la sua fisicità poderosa,  riporta il segno incisivo di Loris Petrillo, che firma anche Il Bianco nel mezzo, un intenso passo a due che esprime l’incomunicabilità di una sofferta relazione d’amore. Le regarde de l’autre di Angela Placanica, grazie all’energia di cinque corpi maschili, indaga sulle infinite possibilità di visione di ogni singolo evento, in cui lo sguardo altrui è occasione di apertura a qualcosa di sconosciuto. Jamais dire 2 sans toi di Aurelie Mounier vede in scena tre corpi uniti, in simbiosi, in un percorso costellato di sguardi e di dubbi. Where is myself? di Gustavo Oliveira si interroga sull’identità dell’individuo in relazione con la realtà che lo circonda, nella convinzione che la vita sia cogliere il momento che ci viene donato.

Teatro di Rifredi, via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61

Venerdì 15 e sabato 16 novembre

Ingresso intero € 16, ridotto € 14 (più diritti di prevendita)

Punti vendita: Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16:00 – 19:00) | biglietteria@toscanateatro.it; Circuiti oxOfficeToscana e Ticketone; on line www.boxofficetoscana.it – www.ticketone.it

danza, Firenze, Opus Ballet, Teatro di Rifredi

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080