Giovedì 28 maggio la manifestazione

Fase 2, scuole americane: iscritti azzerati. Lettera a Firenze Post: appello alle istituzioni

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Economia, Politica, Salute e benessere, Top News

FIRENZE – Dal gruppo Noinsieme2020, che mette insieme insegnanti di università e scuole americane a Firenze, riceviamo una lettera appello per una iniziativa che coinvolge docenti e non docenti di tutte le scuole di lingua. Situazione drammatica dopo la pandemia. Gli iscritti sono azzerati. Per giovedì 28 maggio è prevista una sfilata per le strade di Firenze, con tappe in tutte le sedi istituzionali: dal Comune alla Regione Toscana. L’appello è stato redatto per cercare di mantenere alta l’attenzione su un settore in questo momento di forte crisi. C’è la necessità di attirare l’attenzione mediatica, per questo viene chiesto un contributo di visibilità. Che Firenze Post offre molto volentieri.

Gentile Direttore,

Sono insegnante presso un Programma Universitario americano a Firenze. Chiedo che l’attenzione delle istituzioni e degli organi di governo comunali, metropolitani e regionali rimanga alta, e che il settore il cui lavoro (programmi universitari americani e scuole di lingua per stranieri) venga considerato una priorità assoluta nell’ambito delle strategie e del sostegno che verranno messi in opera dagli enti di competenza.

La crisi economica, che sta investendo non soltanto l’Italia, ma anche gli Stati Uniti, con una forte ricaduta sul sistema universitario nord americano, sta comprensibilmente spingendo gli atenei statunitensi a mettere in opera un apparato imponente di norme protezionistiche al fine di trattenere gli studenti in patria. Ciò renderà ancora più difficoltosa la ripresa, in tempi brevi, del lavoro per i programmi universitari nord americani con sede a Firenze (e non solo). Abbiamo già perduto qualunque possibilità lavorativa per le sessioni estive. Per il semestre autunnale le prospettive non sono rosee.

Segnalo che anche le scuole di lingua, non necessariamente legate al mondo dell’istruzione nord americana, hanno già azzerato i loro iscritti. La ripresa delle attività didattiche va di pari passo con la ripresa dei flussi turistici che, al momento, sono stati del tutto annullati.

Nel settore di cui stiamo parlando, lavorano migliaia di persone, tra docenti e non docenti (tutto il personale amministrativo), tralasciando l’indotto (ristorazione, musei, negozi, migliaia di alloggi affittati per intere stagioni, le stesse sedi delle scuole che spessissimo sono palazzi storici che devono la loro sopravvivenza al fatto di essere diventati istituti di studio internazionale, etc.)

Il composito mondo fiorentino/toscano dell’istruzione privata a stranieri interessa un enorme numero di persone che, per poter tornare ad una situazione lavorativa normale, si trovano a fronteggiare una serie complessa di fattori che vanno dalla crisi economica al blocco dei voli internazionali e delle frontiere.

Con questo messaggio voglio ribadire la stringente necessità della messa in opera, da parte delle istituzioni comunali, metropolitane e regionali, di strategie di supporto economico per le imprese del settore e per tutti i lavoratori, compresi quelli che non rientrano nelle categorie “aventi diritto” riconosciute per legge o per decreto ministeriale.

Giovedì 28 maggio, alle ore 11:00, una delegazione, in rappresentanza del nostro comparto lavorativo, sfilerà da Palazzo Vecchio, sede del Comune di Firenze a Palazzo Medici Riccardi (sede della Presidenza dell’Area Metropolitana), passando per Palazzo Panciatichi di Piazza Duomo, sede della Presidenza della Regione Toscana).

Le migliaia di studenti internazionali che ogni anno decidono di soggiornare e studiare a Firenze costituisco una fetta enorme (non è esagerato affermare che sia la fetta più cospicua) delle presenze  nel capoluogo toscano.

Tag:, , , ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: