Pronto soccorso riaperto

Coronavirus, Codogno: negativo il caso sospetto. Positiva anziana da Rsa

di Gilda Giusti - - Approfondimento, Cronaca, Salute e benessere

L’ospedale di Codogno, in provincia di Lodi (Foto ANSA)

CODOGNO – E’ risultato negativo al tampone, il caso sospetto di Covid-19 al pronto soccorso di Codogno, in provincia di Lodi, riaperto oggi, 3 giugno, dopo la chiusura decisa nella notte fra il 20 e 21 febbraio. Codogno è il comune del lodigiano che con altri nove venne  isolato in zona rossa e diventato il simbolo della battaglia contro l’epidemia.

Sono state una trentina, tra cui il caso di sospetto Covid poi risultato negativo, e una signora di 90 anni positiva conclamata e trasferita da una casa di riposo dei dintorni per problemi di anemia, le persone che da stamani hanno ricominciato a rivolgersi al pronto soccorso dove 104 giorni fa tutto è cominciato. Pronto soccorso che, già allora sottoposto a una doppia sanificazione e nelle scorse settimane completamente risistemato, è ritornato alla normalità pur con una serie di accorgimenti e regole stringenti per evitare i contagi. Termoscanner all’entrata, vigilantes, triage, ingresso non consentito ai parenti (tranne in alcuni casi) e due percorsi distinti, Covid e no Covid. Astanterie con letti distanziati per un totale di 23 posti, zone filtro, una shock-room e 4 letti di terapia intensiva super attrezzati con pure ventilatori di ultima generazione e di fascia alta.

 

Tag:, , , ,

Gilda Giusti

Gilda Giusti

Redazione Firenze Post
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: