Autostrade: Toti, governo revoca concessione ma poi non sa a chi affidarla. M5S chiede commissario

GENOVA – «Vogliono cacciare i Benetton? Lo facciano pure. Pero’ da domani voglio capire cosa succederà». Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, in merito alla vicenda autostrade. Della revoca della concessione «sento parlare da due anni e per adesso l’unico dato e’ che hanno stritolato la mia Regione -spiega Toti -. A questo punto la mia domanda e’ una soltanto: in caso di revoca chi gestira’ la mia rete autostradale? E ancora:con quali regole?. Se si taglia definitivamente il rapporto con Autostrade, che cosa si fara’ per un ministero che non e’ stato in grado di controllare?». E a una domanda sui disagi di queste settimane sulle autostrade liguri, Toti risponde cosi’: «Nonostante gli annunci da parte del governo, per la Liguria purtroppo la situazione non e’ cambiata: questo weekend e’ stato di nuovo molto difficile e si preannunciano altri tre giorni complessi».

«Il commissariamento e’ l’unico modo per avviare la revoca, per potere andare avanti: non si perde nessun posto lavoro, la societa’ continua a lavorare poi si mette a bando la concessione». Lo ha detto Giancarlo Cancelleri, viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che poi ha aggiunto: «Oggi il consiglio dei ministri e’ chiamato a prendere una decisione politica, non dico ci sia la revoca, se dovessero arrivare, all’ultimo minuto, proposte di Aspi che vanno nella direzione auspicata da Conte, ben vengano».

autostrade, M5S, Toti

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080