Discoteche: ricorso al Tar immediato per riaprire. Scuola: ripartenza a rischio

ROMA – Discoteche chiuse, mascherine nei luoghi pubblici, anche all’aperto. Ma i gestori ricorrono al Tar. E avanza il timore di non poter riaprire la scuola. Intanto fioccano sanzioni salate, perchè, dopo la stretta decisa dal Governo su ballo e movida, il Viminale ha scritto ai prefetti per invitarli ad organizzare i servizi sul territorio alla luce delle nuove prescrizioni. Il capo di Gabinetto del Viminale, Bruno Frattasi ha inviato una circolare ai prefetti per invitarli a convocare i Comitati provinciali dell’ordine e della sicurezza in modo da organizzare i servizi di vigilanza sul territorio per far rispettare le nuove prescrizioniMa i gestori delle discoteche non ci stanno e ricorrono al Tar per chiedere l’immediata riapertura.

Sul fronte contagi, dati in calo in 24 ore ma con un ridotto numero di tamponi, mentre aumentano i ricoverati e le terapie intensive. Per quanto riguarda la scuola arriva l’sos dei presidi: «Se ci sarà un caso positivo bisognerà valutare la chiusura dell’istituto solo di concerto con l’autorità sanitaria, cioè la Asl». Il Silb Fipe, associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo, come detto, ha deciso di presentare un ricorso immediato al Tar del Lazio per la riapertura immediata delle aziende. Lo ha annunciato Maurizio Pasca, presidente del Silb Filp.

 

coronavirus, discoteche, ricorso al Tar, sanzioni, scuola, Viminale


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080