Firenze: alla Cavea del Teatro del Maggio il «Requiem» di Verdi gratis per operatori sanitari e parenti di vittime COVID

La Cavea del Maggio (foto M. Monasta)

FIRENZE – Manca meno di una settimana alla «Messa da Requiem» di Giuseppe Verdi diretta da Zubin Mehta domenica 30 e lunedì 31 agosto alle 21 alla Cavea del Teatro del Maggio Musicale. L’evento è dedicato, oltre che alle vittime della pandemia di COVID, anche ai parenti delle vittime, che sono caldamente invitati a partecipare (ad «andare a farsi carezzare», ha detto il Sovrintendente Pereira), come al personale sanitario, pure invitato. Per loro l’ingresso è gratuito: devono solo contattare il numero 055 2001278 (dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18; Servizio Cortesia) oppure recarsi direttamente alla biglietteria del Teatro, in Piazzale Vittorio Gui 1: non serve documentazione per dimostrare che si è effettivamente parenti di vittime; il Maggio confida che nessuno abbia il pessimo gusto di fingersi tale, se non lo è.

Hanno già raccolto l’invito oltre 650 operatori sanitari, soprattutto medici; solo una trentina, a oggi, gli infermieri, forse non ancora adeguatamente informati; la cavea (ovvero l’arena ricavata sopra il tetto del teatro: all’aperto, in un posto naturalmente ventilato, vista anche l’altezza), pur con le limitazioni di capienza dovute alle misure anti-covid, può contenere circa 800 spettatori a sera in tutta sicurezza, e ancora c’è dunque posto (ad oggi sono stati assegnati circa 700 ingressi in tutto).

In Toscana sono 1.139 i deceduti dall’inizio dell’epidemia, cosi ripartiti: 417 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 174 a Massa Carrara, 145 a Lucca, 91 a Pisa, 63 a Livorno, 50 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto (8 persone sono decedute qui, ma erano residenti fuori regione).

Il Sovrintendente Pereira aveva annunciato a giugno che ci sarebbe stata la «Messa da Requiem» in loro memoria con i più grandi cantanti del mondo, ed è in effetti un cast di tutto rispetto quello prescelto: il maestro Zubin Mehta dirigerà l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale con le voci soliste di Krassimira Stoyanova, Elina Garanca, Francesco Meli e Ferruccio Furlanetto.

L’evento è in sicurezza: d’altronde non si ha notizia di nessun contagio di Covid in teatro; anche la principale fonte d’ispirazione del Sovrintendente per le misure di sicurezza, ovvero il Festival di Salisburgo – naturalmente in versione ridotta all’osso – sta scorrendo senza alcun problema; a Salisburgo, è stato annunciato oggi, il Maggio andrà in tournée al Festival di Pentecoste, diretto da Cecilia Bartoli, nel 2021, prima di andare anche a Mosca, in Germania e in Lussemburgo.

Durante la conferenza stampa di oggi sono state inoltre illustrate le misure di sicurezza che il Maggio intende mettere in atto alla ripresa dell’attività all’interno del teatro. Prendendo spunto dal modus operandi del Festival di Salisburgo, che ha fatto da apripista, il Maggio farà in modo che vengano effettuati test sierologici con frequenza settimanale a tutti gli artisti “costretti” a non rispettare il distanziamento sul palco, per evidenti esigenze di scena. E se per il pubblico sono previsti posti distanziati, per chi lavora all’interno della macchina teatrale sono stati invece organizzati percorsi e spazi dedicati, procedure che limitano i contatti e camerini singoli per gli artisti.

La «Messa da Requiem» di Giuseppe Verdi sarà dedicata dal Teatro anche alla memoria di Mariangela Gabriele, dipendente del Maggio ben nota a tutti quelli che ci organizzavano eventi fuori cartellone (ma anche ai giornalisti, avendo retto per un periodo l’ufficio stampa), stroncata sabato 22 agosto a soli 35 anni da una veloce e inesorabile patologia oncologica.

Le due serate avrebbero dovuto svolgersi in Piazza della Signoria ed essere offerte a tutti i fiorentini, oltre che ai dedicatari, ma le norme anti-covid rendono difficoltoso il recupero dell’antica tradizione e determinano lo spostamento.

Ingresso gratuito per personale sanitario di ogni ordine e grado e per parenti delle vittime del COVID; per gli altri i biglietti sono in vendita sul sito del Maggio (da 50 a 200 euro; gli under 30 possessori di Maggio Card entrano a 15 euro)

Cavea del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, coronavirus, dopo il lockdown, giuseppe verdi, Messa da Requiem, Musica, vittime del covid

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080