La decisione della magistratura spagnola

Studentesse morte sul Bus Erasmus: a processo l’autista del mezzo che si schiantò nel 2016

di Redazione - - Cronaca, Top News

FIRENZE – Una svolta nella vicenda delle ragazze italiane, in vacanza Erasmus in Spagna, morte sul bus che le trasportava, nel marzo del 2016, in un incidente stradale. La Nazione ci informa  che, dopo una serie di archiviazioni, i magistrati spagnoli di Amposta processeranno l’autista dell’autobus che fino a oggi era sempre riuscito a sfuggire alla giustizia.

A dare la notizia dal suo profilo Facebook è Maria Elena Boschi, capogruppo di lv alla Camera. Che aggiunge: «Niente può lenire il dolore delle famiglie e nessuno ci restituirà quelle nostre connazionali strappate alla vita nel modo più atroce. Sapere però che finalmente ci sarà un processo è per chi come noi ha seguito la vicenda dal primo giorno finalmente motivo di conforto. Continueremo a seguire la vicenda insieme alle famiglie delle vittime cui in questo momento rinnovo la mia vicinanza e il mio affetto. E grazie a chi da quattro anni combatte perché si stabilisca almeno la verità dei fatti di quella tragica notte».

Tredici le studentesse che persero la vita il 20 marzo 2016 in Catalogna. Quella notte c’erano anche tre ragazze dell’Università di Firenze: Valentina Gallo viveva a Firenze, Lucrezia Borghi a Greve in Chianti ed Elena Maestrini a Gavorrano (Grosseto).

«Il fatto che si apra un procedimento penale? Era una cosa dovuta». Cosi Gabriele Maestrini, papà della povera Elena. «Ci auguriamo – aggiunge – che si arrivi a un dibattimento. Solo lì si potrà far chiarezza per dare finalmente verità e giustizia a queste ragazze»

Tag:, ,

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: