Le regole delle elezioni americane

Elezioni Usa: le regole del riconteggio dei voti Stato per Stato

NEW YORK – Con i risultati sul filo del rasoio si prevede che potranno essere richiesti dei riconteggi negli stati chiave Arizona, Georgia, Pennsylvania, Nevada, Wisconsin e Michigan – che decideranno, una volta concluso lo spoglio, le sorti del duello della Casa Bianca.

Ecco quali sono le regole, stato per stato, per richiedere il riconteggio dei voti.

ARIZONA Il conteggio scatta automaticamente se lo spoglio finale e cerrtificato dal segretario di Stato riscontra un margine dello 0,1% tra i due candidati.

GEORGIA Deve essere un candidato a richiedere il riconteggio se ha una distanza dal vincitore inferiore all’un per cento. La richiesta deve essere fatta entro due giorni dopo la certificazione ufficiale dei risultati.

NEVADA Anche qui deve essere il candidato sconfitto a chiedere il riconteggio entro tre giorni dopo la certificazione dei risultati.

PENNSYLVANIA Il riconteggio scatta automaticamente se il margine di vittoria è inferiore e mezzo punto percentuale e deve svolgersi tra il terzo mercoledì successivo alle elezioni e finire il martedì successivo.

WiSCONSIN Il riconteggio può essere richiesto dal candidato sconfitto con un margine inferiore all’un per cento.

MICHIGAN Un candidato può chiedere il riconteggio in un distretto se ritiene che una frode o un errore commesso in quel distretto ha impedito la sua vittoria.

 

elezioni Usa, riconteggio, voti


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080