Fiorentina contro la Juve (martedì, 20,45, Sky): ragazzi viola, provate il colpo di Natale! Formazioni

Franck Ribery: pronto a sfidare Cristiano Ronaldo (Foto Violachannel)

FIRENZE – Vorrei una Fiorentina vestita da pirata (martedì, ore 20,45, diretta su Sky) allo Stadium della Juve. Vorrei una squadra spavalda, aggressiva ma attenta, pronta a cogliere qualsiasi falla nello squadrone avversario. Vorrei segnare, magari di rapina e non subire nulla. Vorrei vedere Federico Chiesa messo in difficoltà dai vecchi compagni. Vorrei, vorrei, vorrei… che i ragazzi in maglia viola provassero a fare il colpaccio di Natale. Che sarebbe un bel regalo per i tifosi, sempre votati alla sofferenza, e porterebbe ossigeno in una classifica boccheggiante. Un sogno? Proviamo a sognare. E’ vero, la realtà parla di una Juve che sbanca Barcellona, umilia Messi eppoi, dopo qualche appannamento, si rimette a correre anche in campionatoi rifilando un poker di gol al Parma. La realtà ci fa anche soffermare su questa Fiorentina di Prandelli, incapace diu vincere da quando ha cambiato allenatore. E che è stata caopace di paregggiare in casa, faticosamente, con Sassuolo e Verona, segnando due gol solo su rigore. Ovvia, dunque, la disparità di peso. Ma l’ho scritto appena ieri: la Fiorentina vista fin qui è troppo brutta per essere vera. Credo davvero in una grande prova d’orgoglio e in un Ribery capace dfi sfidare Cristiano Ronaldo in casa sua. Con un centrocampo di spada e fioretto (ossia con qualche giocatore buono per far legna, tipo Duncan) e un modulo corto e accorto può essere possibile imbrigliare la Juve. Resta il problema del gol. Vlahovic, finora, l’ha buttata dentro solo con la Samp (sconfitta viola 1-2) eppoi due volte con i rigori contro Sassuolo e Verona. Tutto qui. Fisicamente è forte e non ha paura di fare a sportellate con i mastini della difesa bianconera. Ci provi, il buon Dusan, a buttarla dentro allo Stadium. Potrei aggiungere che la società deve pensare seriamente, e anche serenamente, al mercato di gennaio. Ma intanto la squadra provi a cancellare, cobn un’impresa il periodo triste vissuto finora.

PRANDELLI – «Nelle ultime partite si è vista mentalità e voglia, dobbiamo mantenerle entrambe. I due pareggi in casa sono frutto di un lavoro difficile: Sassuolo e Verona sono ottime squadre e complicate da affrontare. Quando avremo l’opportunità in fase offensiva servirà convinzione. Mentalmente siamo pronti». Lo dice l’allenatore della Fiorentina, Cesare Prandelli, alla vigilia del match con la Juventus. «Le grandi squadre devono essere attaccante con sfacciataggine quando concedono la minima occasione. Dobbiamo partire con questa mentalità e fare un’ottima gara». E ancora: «L’obiettivo è arrivare a 40 punti, serve una mentalità da provinciale. Nessuno ci regala nulla. Serve trovare un’identità, nella mia prima esperienza a Firenze anche i giocatori che avevano meno classe riuscivano a esprimersi al 100%. Non voglio vedere calciatori scontenti e che non accettano decisioni».

JUVENTUS – Ci sarà anche Dybala nella Juve contro la Fiorentina. L’annuncio è arrivato dallo stesso Andrea Pirlo, la Joya tornerà dopo lo stop di Parma. La coppia d’attacco, però, sarà la solita, con il tandem Morata-Ronaldo pronto a partire dal primo minuto e l’argentino eventualmente a subentrare a gara in corso. Non ce la fa Arthur, mentre anche Demiral è ormai sulla via del completo recupero. Szczesny è pronto a riprendersi la porta dopo il turno di riposo in favore di Buffon, Cuadrado potrebbe essere l’altra novità di formazione rispetto all’undici proposto al Tardini di Parma. Ci sono 16 punti di differenza tra  Juventus e Fiorentina: i viola sono in una zona pericolosa di classifica ma per Pirlo la Fiorentina «è una buona squadra perchè ha ottime individualità e verrà qui per fare la sua partita, per difendersi e cercare di ripartire». Il tecnico juventino, parlando alla tv web del club, ha individuato due pericoli su tutti: «Un giocatore molto forte fisicamente come Vlahovic e un giocatore di grande classe come Ribery». Pirlo ha parlato anche di Cesare Prandelli che  è stato suo allenatore in Nazionale: «E’ bresciano come me, lo conosco molto bene e mi fa molto piacere che sia tornato ad allenare in Serie A. Sono contento di rivederlo». Ricordando l’Europeo perso insieme in finale contro la Spagna nel 2012, ma anche la Confederations Cup dell’anno dopo e il mondiale del 2014, Pirlo ha aggiunto che Prandelli « una persona veramente di cuore che ho avuto il piacere di conoscere per parecchi anni. Sul campo si merita qualcosa in più rispetto a questo momento».

Probabili formazioni

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Danilo; Ramsey, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Morata, Cristiano Ronaldo. Allenatore: Andrea Pirlo

Squalificati: nessuno | Indisponibili: Arthur, Chiellini, Dybala, Demiral

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, German Pezzella, Caceres; Bonaventura (Lirola), Duncan (Bonaventura), Amrabat, Castrovilli, Biraghi; Ribery, Vlahovic. Allenatore: Cesare Prandelli

Squalificati: nessuno | Indisponibili: nessuno

Arbitro: La Penna di Roma

Cristiano Ronaldo, Dybala, Federico Chiesa, Fiorentina, Juventus, Morata, Pirlo, Prandelli, Ribery


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080