Malamovida: Comune di Torino condannato a risarcire 29 residenti

Controlli delle forze dell’ordine alla movida e nei locali nel quartiere San Salvario, Torino,
ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO – Malamovida e Comuni- Una sentenza del tribunale di Torino potrebbe costituire un precedente per i residenti di tanti comuni italiani, anche Firenze (esempio Santo Spirito), colpiti dai danni della movida, contro le amministrazioni comunali.

Il Comune di Torino è stato condannato in primo grado, in una causa civile, a risarcire 29 abitanti del quartiere San Salvario per i presunti danni subiti a causa dei rumori della movida. La denuncia contro la ‘malamovida’ si riferiva al periodo che va dal 2013 al 2018, ossa dalla precedente all’attuale consiliatura di Palazzo Civico. L’amministrazione comunale sta ora valutando di fare appello.
«I problemi collegati alla movida – evidenziano da Palazzo Civico – non sono riconducibili esclusivamente alla mancata adozione di un Piano dell’inquinamento acustico, come affermato nella decisione del tribunale, ma hanno carattere ben più ampio, con aspetti di ordine pubblico e di tutela delle attività economiche del territorio.
L’amministrazione ricorda inoltre che in tema di movida “la Città di Torino ha adottato nel tempo ordinanze e regolamenti e anche stipulato accordi con associazioni di categoria del commercio».

Considerata questa decisione abitanti di altri comuni (Firenze, Santo Spirito ad es,) adesso potrebbero essere invogliati a presentare denunce analoghe.

Firenze, malamovida, torino

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080