Autostrada A1: protesta dei ristoratori bloccata a Cantagallo dalle forze dell’ordine

BOLOGNA – E’ stato impedito dall’intervento delle forze dell’ordine il blocco dell’autostrada A1 da parte dei ristoratori che manifestano contro le restrizioni anti Covid, nell’area di servizio Cantagallo, nel Bolognese. Il gruppo, dopo aver fatto un presidio nel parcheggio, si è avviato verso la rampa di accesso a quanto pare con l’intenzione di invadere la sede stradale, ma Polizia e Carabinieri schierati lo hanno impedito.

Agenti hanno segnalato la presenza di manifestanti sul ciglio dell’autostrada agli automobilisti in transito, ma non ci sono stati disagi. «E’ una decisione estrema, sappiamo quello che rischiamo, è un reato, ma se siamo arrivati a questo punto e siamo disposti a mettere in gioco la nostra vita e la nostra tranquillità è perché ormai non abbiamo più nulla da perdere», aveva detto uno dei portavoce della protesta, al megadfono. Aggiungendo: «Non siamo antagonisti, siamo piccoli imprenditori, padri di famiglia. Siamo qui e lottiamo per il nostro lavoro, dopo anni di sacrifici. Siamo disperati».

La manifestazione si è comunque conclusa senza problemi, ossia con un breve corteo di auto. I partecipanti hanno percorso un tratto di autostrada alla velocità di circa 50 km/h, suonando i clacson tutti insieme, e sono usciti al casello di Sasso Marconi Sud, controllati dalle forze dell’ordine.

autostrada A1, forze dell'ordine, Ristoratori

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080