Week end 2-3 ottobre a Firenze e in Toscana: opere al Maggio, festival, eventi

Panorama Firenze (Foto FirenzePost)
Una scena di «Linda di Chamounix» (ultima recita domenica 3 al Maggio; foto Michele Monasta)

Week end ricco di spettacoli, concerti, festival ed eventi a Firenze e in Toscana: «La traviata» e «Linda di Chamounix» al Maggio Musicale Fiorentino, Antonello Venditti all’Ultravox, Firenze dei bambini, i Mondiali Antirazzisti UISP nella Festa dell’Argingrosso, la riapertura del Teatro Lumière, Intercity Festival a Sesto, Pisa Book Festival, Luccautori – Racconti nella rete, Lucca Film Festival, le sfilate dei carri allegorici di Carnevale a Viareggio, meteo permettendo.

Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Piazza Vittorio Gui) sabato 2 alle 18 penultima recita de La traviata di Giuseppe Verdi; edizione da ricordare per la direzione di Zubin Mehta e la luminosa voce di Nadine Sierra (Violetta), spalleggiata in modo eccellente da Francesco Meli (Alfredo); per le ultime due recite nel ruolo di Giorgio Germont non ci sarà più Leo Nucci, ma Plácido Domingo. A completare il cast Caterina Piva (Flora Bervoix), Caterina Meldolesi (Annina), Luca Bernard (Gastone), Francesco Samuele Venuti (il Barone Douphol), William Corrò (il Marchese d’Obigny), Emanuele Cordaro (il Dottor Grenvil), Alfio Vacanti (Giuseppe, servo di Violetta), Egidio Massimo Naccarato (un domestico di Flora), Giovanni Mazzei (un Commissionario); Coro e Orchestra del Maggio. Domenica 3 alle 18 anche l’ultima recita di Linda di Chamounix di Donizetti (un’autentica rarità per Firenze, dove non veniva rappresentata dal 1910) con la bravissima Jessica Pratt nel ruolo eponimo; ottimi anche Teresa Jervolino nel ruolo en travesti di Pierotto e  Michele Pertusi (il Prefetto). Info e biglietti entrambi gli spettacoli su www.maggiofiorentino.com

Antonello Venditti aggiunge al suo tour un serata speciale, dedicata ai fan fiorentini e toscani, sabato 2 alle 21 all’Anfiteatro delle Cascine Ernesto De Pascale, nell’ambito dello spazio estivo Ultravox Fiirenze (parco delle Cascine). Antonello Venditti presenta l’UNPLUGGED SPECIAL 2021, spettacolo in cui ripercorre, in chiave acustica, le pietre miliari della sua straordinaria carriera, brani come “Sotto il segno dei pesci”, “Bomba o non bomba” e “Ci vorrebbe un amico” che hanno emozionato intere generazioni, mettendo in musica sentimenti e amore, tematiche sociali e culturali. Al fianco del cantautore romano troveremo la rodata band composta da Alessandro Canini alla batteria, Danilo Cherni alle tastiere, Angelo Abate al pianoforte e Amedeo Bianchi al sax. Prima e dopo lo spettacolo aperitivi, apericene, pizze, hamburger e sapori dall’India. A chi viene in auto si consiglia di parcheggiare al Piazzale delle Cascine e utilizzare la navetta Ataf LC (attiva fino alle 2 di notte) che collega Piazzale delle Cascine con l’Anfiteatro. Chi viene in Tramvia può scendere alla fermata Cascine e utilizzare sempre la navetta Ataf LC. I biglietti – da 45 euro – sono disponibili su ticketone.it e vivaticket.com, nei punti vendita di Box Office Toscana e, la sera del concerto, alla cassa. Info www.friendsandpartners.it

Sandro Lombardi al Museo Marini

Teatro e poesia, tra classici e contemporaneità, nella Cappella RucellaiDomenica 3 alle 12 al Museo Marino Marini (Piazza San Pancrazio) si apre Frammenti poetici: tre incontri con la Commedia dantesca accostata a grandi autori del Novecento insieme all’attore Sandro Lombardi e a cura del critico Roberto Incerti. Il primo appuntamento della rassegna vedrà l’interprete vincitore di quattro premi Ubu cimentarsi con letture dall’Inferno accompagnate da poesie di Pier Paolo Pasolini (necessaria la prenotazione sul sito www.museomarinomarini.it). Sempre domenica dalle 11 alle 18 continuano gli eventi al Museo con BAMMM! Books(&)Arts @MuseoMarino Marini, mostra mercato di libri d’arte e d’artista realizzata in collaborazione con la casa editrice Centro Di, alla maniera dei bouquinistes parigini. Gli ampi e luminosi spazi del Museo – nel pieno rispetto delle norme anti-Covid – accoglieranno tra le sculture di Marino Marini curiosi e appassionati con un’ampia scelta di volumi introvabili, libri oggetto, rarità di design e testi autografati dai grandi artisti. In occasione dell’iniziativa l’ingresso al museo sarà gratuito. Alle 16 inoltre si terrà l’opening di “Andature”, un lavoro a quattro mani costruito da Chiara Bettazzi e Daniela De Lorenzo, con due videoinstallazioni e un focus sugli ultimi lavori delle artiste toscane. Un confronto tra poetiche nato dal periodo di improvviso scarto, a cui abbiamo recentemente assistito, tra il ritmo di una società in corsa e lo stallo improvviso che ha determinato una nuova e diffusa necessità di cambiamento. La mostra sarà visitabile fino al 30 ottobre, a cura di Marcella Cangioli, Antonella Nicola e Saretto Cincinelli, è realizzata con Città Nascosta associazione culturale e grazie al contributo della Fondazione CR Firenze. Informazioni sul Museo e su giorni, orari e modalità di accesso: www.museomarinomarini.it

Al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) sabaro 2 alle 20.45 e domenica 3 alle 15.45 The Dublinersdi Giancarlo Sepe in prima nazionale con i Nuovi e la Compagnia del Teatro La Comunità di Roma. Spettacolo in lingua inglese. In scena fino al 14 ottobre. Tutte le info e il libretto con traduzione sul sito ufficiale della Pergola.

Torna la mostra mercato di piante e fiori al Giardino dell’Orticoltura. L’appuntamento con la 21esima edizione autunnale è dal 1 al 3 ottobre, dalle ore 9 alle ore 19. Sono 70 gli espositori, in gran parte vivaisti specializzati, che esporranno le proprie produzioni e novità: rose, aromatiche, agrumi, orchidee, erbacee perenni, fioriture autunnali, piante da interno e da giardino, acquatiche, succulente o grasse, carnivore, tillandsie in quantità.

Tutto Sposi torna in presenza fino al 3 ottobre alla Fortezza da Basso di Firenze; una grande vetrina per le aziende del settore wedding: atelier di abiti per lo sposo e la sposa, agenzie di viaggio, fioristi, fotografi, bomboniere, catering e ricevimento, ristoranti, location, noleggio auto, look consultant si presenteranno ai visitatori. Dopo due anni di stop e rinvii, spiegano gli organizzatori, le coppie hanno ricominciato a sposarsi.

I Mondiali Antirazzisti organizzati dalla UISP Unione Italiana Sport Per Tutti si svolgono sabato 2 e domenica 3 all’interno della Festa dell’Argingrosso. Diciotto le squadre di varia estrazione che si sono iscritte ai tornei liberi di calcio a 5 e pallavolo. Attesi anche alcuni partecipanti che provengono dalla parrocchia di don Massimo Biancalani. Quest’anno la tradizionale iniziativa promossa dalla Uisp per dire no al razzismo e a ogni forma di discriminazione viene ospitata nell’ambito della manifestazione organizzata dal Quartiere 4 nel parco dell’Argingrosso ma la formula resta invariata. Sono previsti tornei di calcio a 5 e pallavolo non competitivi con partite auto-arbitrate, alle quali è possibile far partecipare squadre composte anche da giocatori di generi diversi e senza limiti di età. L’evento, gratuito e aperto a tutti, ha da sempre i suoi punti di forza nei momenti di inclusione e di condivisione attraverso il gioco e lo sport. Durante il fine settimana all’Argingrosso sono in programma esibizioni, prove libere e  attività rivolte a grandi e piccoli. Durante l’evento saranno esposti i disegni realizzati dai bambini dei Centri estivi Multisport UISP dal tema #iosonomondialiantirazzisti: un’iniziativa preziosa per ribadire il valore delle differenze e mettere i giovanissimi a confronto con un mondo in continua evoluzione. La manifestazione è patrocinata dal Comune di Firenze e dalla Regione Toscana e si svolge con il contributo di Cesvot.

L’ottava edizione di Firenze dei bambini è dedicata al sommo poeta invita piccoli e grandi a riscoprire la città e i suoi luoghi in un fantasmagorico viaggio oltremondano: dalla performance collettiva con i Dantini, 300 bambini vestiti da Dante in piazza Santa Croce, allo spettacolo “InfernoParadiso. Con e senza Dante”, dalla “Notte al museo” nel Salone dei Cinquecento al viaggio nell’oltretomba nel Complesso di Santa Maria Novella fino alla capsula spaziale che consentirà di viaggiare nel cosmo e molto altro ancora. Un ricco programma di eventi gratuiti, su prenotazione. Ci sarà la Notte al Museo nel Salone dei Cinquecento, ma anche il viaggio nell’oltretomba nel Complesso di Santa Maria Novella, la capsula spaziale che consentirà di viaggiare nel cosmo e molto altro ancora. Programma completo su www.firenzebambini.it

Domenica 3 alle 16.45 riapre il Teatro Lumiére (via di Ripoli 231, Firenze; tel. 055 3890214) con la commedia Coppie. Felicemente infelici, Produzione UAO spettacoli Roma, regia di Claudio Insegno, con Federico Perrotta, Claudio Insegno, Valentina Olla, Sabrina Pellegrino, Marco D’Angelo e Giulia Perini. Due coppie di amici si incontrano a cena per “festeggiare” il loro divorzio; una serie grottesche situazioni, dove l’amore romantico sembra un parametro irraggiungibile, dove l’uomo e la donna si scontrano per non incontrarsi mai, dove la vita di coppia è sostenibile sì, ma solo da single, e una risata li salverà. Scene e costumi sono di Graziella Pera, il disegno luci di Marco Laudando; fonica a cura di Marco De Angelis. I biglietti sono acquistabili su www.ticketone.com. Per info e prenotazioni è possibile contattare il numero 333.5001699.

Si chiama La fine della fine del mondo la prima edizione del festival teatrale progettato dalla compagnia inQuanto teatro nel corso dei mesi dell’emergenza sanitaria e ospitato al Teatro di Rifredi (Via Vittorio Emanuele II, 313, Firenze) dal 30 settembre al 3 ottobre. Una quattro giorni di teatro, conversazioni, laboratori artistici, con uno sguardo alle nuove generazioni; molti eventi gratuiti (su prenotazione) o a prezzo comunque contenutissimo. Programma e infowww.inquantoteatro.it; 055/422.03.61. Biglietti online su www.ticketone.it e www.toscanateatro.it

80 ceramisti si riuniscono sabato 2 e domenica 3 in piazza Santa Croce per esporre le loro creazioni alla Fiera internazionale della ceramica: ceramiche di altissima qualità e prodotte in piccolissima serie.

Firenze è un set cinematografico a cielo aperto ed allora ecco l’idea di visitare la città ripercorrendo 20 scene tra le più divertenti di uno dei film più conosciuti ed amati di tutta la storia della commedia italiana come Amici Miei. Questo percorso di cineturismo vuole offrire ai fiorentini e ai turisti la possibilità di vivere le location che hanno fatto da sfondo a questa produzione cinematografica senza tempo con scorci più e meno noti del centro storico del capoluogo fiorentino da percorrere a piedi dal Piazzale Michelangelo fino al Bar Necchi, dalla casa del Perozzi fino a Santo Spirito, rivedendo anche grazie all’ausilio di Youtube le scene del film. Ogni domenica alle 10, una guida turistica accompagnerà i visitatori tra le vie e le piazze di Firenze, guidandoli in un racconto fresco e divertente che farà rivivere il film nei luoghi in cui Monicelli lo ha ambientato. Oltre alle coinvolgenti clip del film, i fans potranno ricevere informazioni sulla storia della città, che renderanno la passeggiata un’esperienza ancora più affascinante ed indimenticabile. Ritrovo Tour Abbazia di San Miniato al Monte 15 minuti prima. Durata 3 ore. Costo 10€ a persona (che comprende tour, guida turistica, bicchiere di vino de La Tognazza) Per Prenotazioni ed Informazioni cinema@supercazzola.it

Aperto al pubblico il Museo di Casa Siviero (Lungarno Serristori, 1/3, senza bisogno di prenotazione: sabato ore 10-18; domenica ore 10-13; lunedì ore 10-13; negli altri giorni solo piccoli gruppi su prenotazione).

Aperto il Museo della Fondazione Zeffirelli in Piazza San Firenze; ogni sabato mattina, alle 11 sarà possibile partecipare alla visita guidata gratuita a cura dello staff interno della Fondazione Zeffirelli. Prenotazioni 320 1637839.

Palazzo Strozzi dal 2 ottobre al 30 gennaio 2022 ospita una grande mostra dedicata a Jeff Koons, una delle figure più importanti e discusse dell’arte contemporanea a livello globale. A cura di Arturo Galansino e Joachim Pissarro, la mostra porta a Firenze una selezione delle più celebri opere. Sviluppata in stretto dialogo con l’artista, la mostra Jeff Koons. Shine ospita prestiti provenienti dalle più importanti collezioni e dai maggiori musei internazionali, proponendo come originale chiave di lettura dell’arte di Jeff Koons il concetto di “shine” (lucentezza) inteso come gioco di ambiguità tra splendore e bagliore, essere e apparire.

Palazzo Medici Riccardi (Via Camillo Cavour 3) dal 17 giugno al 17 ottobre 2021 c’è la mostra “AniMA | La Magia del Cinema d’Animazione da Biancaneve a Goldrake”. Inoltre in occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021), dal 16 settembre al 16 novembre 2021, il Museo di Palazzo Medici Riccardi e la Biblioteca Moreniana ospitano una piccola e preziosa esposizione dedicata al Sommo Poeta. La mostra, promossa dalla Città Metropolitana di Firenze e curata da MUS.E, inaugura il ciclo Cammei, una rassegna espositiva dai toni intimi, di piccole dimensioni, ma di grande importanza, dedicata alla valorizzazione delle opere e delle storie legate a Palazzo Medici Riccardi.

Alla Cattedrale dell’Immagine, parte del complesso di Santo Stefano al Ponte, mostra digitale immersiva Inside Dalí realizzata da Crossmedia Group con il supporto della Fondazione Gala Salvador Dalí, che fino al 16 gennaio 2022 punta a esplorare l’universo onirico immaginario di Salvador Dalí e a riscoprire la vita di quello che è stato uno dei maggiori pittori del XX secolo e la vera icona del surrealismo. Un’esperienza multisensoriale che si colloca tra immaginazione e realtà, ma anche un mix di tecnologie all’avanguardia, immagini, veri e propri artefatti, illusioni e allusioni, il tutto in simbiosi perfetta con l’universo unico dell’artista catalano. Ogni giorno avranno luogo le ininterrotte repliche della mostra immersiva, nel cui cuore si trova uno spazio multimediale a 360°, per una superficie di più di 400 m2, dove il visitatore è indotto ad attraversare il mondo del genio surrealista in una completa e “daliniana” immersione di oltre 35 minuti: un momento altamente emozionale che colpirà gli spettatori come niente prima d’ora.

Turandot e l’Oriente fantastico di Puccini, Chini e Caramba (Museo del Tessuto, Prato dal 22 maggio al 21 novembre) è il frutto di un lungo e accurato lavoro di ricerca compiuto dal Museo sullo straordinario ritrovamento di un nucleo di costumi e gioielli di scena risalenti alla prima assoluta della Turandot di Puccini e provenienti dal guardaroba privato del grande soprano pratese Iva Pacetti. Un’esposizione inedita, multidisciplinare, che nasce grazie alla collaborazione di enti e istituzioni pubblici e privati italiani di grande prestigio che a vario titolo hanno contribuito a questo ambizioso progetto: ricostruire le vicende che hanno portato il grande compositore toscano Giacomo Puccini a scegliere Galileo Chini per la realizzazione delle scenografie per la Turandot, andata in scena per la prima volta al Teatro alla Scala il 25 aprile 1926, diretta da Arturo Toscanini. Co-organizzatore della mostra è il Sistema Museale dell’Ateneo fiorentino nel cui Museo di Antropologia e Etnologia è conservata una collezione di oltre 600 cimeli orientali, riportati da Galileo Chini – grande interprete del Liberty italiano – al rientro dal suo viaggio in Siam nel 1913 e da lui personalmente donati nel 1950 al Museo fiorentino. A questi si aggiunge il contributo degli enti prestatori: l’Archivio Storico Ricordi, il Museo Teatrale alla Scala e l’Archivio Storico Documentale Teatro alla Scala, le Gallerie degli Uffizi – Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, la Fondazione Giacomo Puccini di Lucca, la sartoria Devalle di Torino, l’Archivio Corbella di Milano, la Società Belle Arti di Viareggio e numerosi prestatori privati. Il percorso espositivo della mostra – che occupa circa 1.000 metri quadri complessivi – si apre nella Sala dei Tessuti Antichi con una selezione di circa 120 oggetti della collezione Chini, proveniente dal Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze: tessuti, costumi e maschere teatrali, porcellane, strumenti musicali, sculture, armi e manufatti d’uso di produzione thailandese e cinese – suddivisi per ambiti tipologici all’interno di grandi teche espositive – che sono stati continua fonte di ispirazione per l’Artista e sono diventati soggetti di suoi numerosi dipinti. Al piano superiore sezione dedicata alle scenografie per la Turandot e al forte influsso che l’esperienza in Siam ebbe nell’evoluzione del percorso creativo e stilistico di Chini. La terza e ultima sala riunisce finalmente, dopo decenni di oblio, gli straordinari costumi della prima dell’opera. Infatti, accanto a quelli della protagonista di proprietà del Museo – su una grande pedana rialzata che la prima volta nella storia riunisce la straordinaria parata realizzata da Caramba nel 1926 – sono esposti anche 30 costumi straordinari provenienti dall’archivio della Sartoria Devalle di Torino, comprendenti i ruoli primari e comprimari – l’Imperatore, Calaf, Ping, Pong e Pang, il Mandarino – e i secondari – i Sacerdoti, le Ancelle, le Guardie, i personaggi del Popolo. Si tratta dei costumi originali realizzati per la stessa edizione dell’opera, anch’essi inizialmente scomparsi, ma poi rocambolescamente ricomparsi a metà degli anni Settanta ed entrati a far parte definitivamente di questo meraviglioso archivio storico privato. Domenica 3 alle 17.30 visita guidata

Dal 18 settembre al 19 dicembre 2021 sarà esposto ad ingresso gratuito nella chiesa di San Franceschetto a Lucca l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese, nella mostra Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro, a cura di Ilaria Boncompagni, Oreste Ruggiero e Laura Speranza. La statua in terracotta dipinta, da alcuni attribuita ad un giovane Leonardo da Vinci, si fermerà a Lucca per la seconda tappa del suo percorso, che la riporterà poi nella Pieve di San Gennaro sulle colline lucchesi, sua secolare collocazione, anch’essa appositamente restaurata per l’occasione grazie ad un intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

Sempre a Lucca, dal 2 al 31 ottobre nei rinnovati ambienti della Sala dell’Affresco del Complesso di San Micheletto, c’è la mostra Bellezza. Appartenenza. Identità. Nuove ‘perle’ dalla Collezione della Fondazione CRL, che presenta solo alcune delle opere di proprietà della Fondazione, propone una suddivisione tematica in un contesto inedito: la Sala dell’affresco del Complesso di San Micheletto, cui si accede direttamente da via Elisa sul fianco della Chiesa. Un luogo mai adoperato prima, al piano terra e di facile accesso. Ingresso gratuito; il sabato e la domenica 10-13 e 14-19.

Particolare Pavimento Duomo di SienaFino al 17 ottobre la Cattedrale di Siena scopre il suo straordinario pavimento a commesso marmoreo, vera opera d’arte frutto di cinquecento anni di espressione artistica, il “più bello, grande e magnifico che mai fusse stato fatto” secondo Giorgio Vasari. L’itinerario si snoda all’interno dell’ampia mole della Cattedrale di Siena, col Pavimento, la Libreria Piccolomi e la ‘Porta del Cielo’, include il Museo, il ‘Duomo Nuovo’ con il Facciatone e prosegue in Cripta e Battistero. Obbligatorio il Green Pass. Orari e biglietti su https://operaduomo.siena.it/

A Vicchio si fa un tuffo nella Preistoria. L’ampio parco adiacente alla piscina comunale fino al 28 febbraio 2022 assomiglierà a Jurassic Park, popolato di dinosauri e animali preistorici. Giorni e orari di apertura: dal martedì al venerdì: orario dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Sabato, domenica e festivi: orario continuato 9:30-19, gli orari e giorni di apertura possono subire variazioni nel corso della stagione. La mostra si trova presso  le Piscine di Vicchio, con ingresso da Via P. Costoli, 16. Alla mostra “Word of Dinosaurs”, che si apre sabato mattina, si potranno ammirare riproduzioni a grandezza naturale, sorprendentemente realistiche e curate nei dettagli, di queste gigantesche creature che milioni di anni fa dominavano la terra: dai terribili T-Rex e Allosauro al Triceratops, il Suchomimus, il maestoso Diplodocus con i suoi 30 metri di lunghezza, lo Stegosauro… fino ad arrivare ai famelici Deinonychus e al piccolo Psittacosaurus. L’esposizione è organizzata dalla Pro Loco di Vicchio in collaborazione con Start Innova e l’Amministrazione comunale. “Un’esposizione dedicata ai bambini, famiglie, scolaresche, appassionati e curiosi – sottolineano gli organizzatori e l’Amministrazione comunale -. Un’occasione ideale per avvicinare i più piccoli al mondo dei dinosauri e trascorrere con la famiglia momenti spensierati, immersi nel fascino del territorio vicchiese e mugellano”. Una mostra nella mostra. Dinosauri e non solo, perché ci sono anche spettacolari riproduzioni di animali preistorici come il bradipo, la tigre con i denti a sciabola e tanti altri meno conosciuti. Come un vero e proprio museo a cielo aperto allestito nell’ampia area verde a Ponte a Vicchio, l’esposizione rappresenta un interessante approfondimento sul mondo di questi affascinanti giganti della Preistoria, per un avvincente viaggio indietro nel tempo.

Un ragazzo e un adulto si incontrano sul Precipizio. L’adulto dice di essere lì per suonare e infatti è seduto a un pianoforte. Il ragazzo dice di non potersi buttare prima dell’adulto, in nome di una regola scritta su un apposito opuscolo, e infatti resta seduto su una sedia sdraio. Sul principio del precipizio è lo spettacolo di Irene Petra Zani in prima nazionale, sabato 2 alle 20.30, al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino (via Gramsci 426) coprodotto da Il Teatro delle Donne e il Festival Intercity. 15 / 13 euro. Info, prenotazioni e prevendite sul sito del Teatro della Limonaia www.teatrodellalimonaia.it

Prosegue la rassegna Dance4gardens con uno spettacolo inedito dove danza, musica, performance e installazione incontrano i linguaggi museali più tradizionali nell’affascinante cornice di Villa Bellosguardo a Lastra a Signa, dimora di Enrico Caruso, nel centenario della sua morte. In prima assoluta sabato 2 alle 16 e alle 17.70, con repliche domenica 3, stessi orari, debutta Caruso – Museo dell’Altrove,  “piu’alto e piu’ oltre “, site specific per il Museo di Villa Caruso a Lastra a Signa, una creazione a firma di Francesca Foscarini e Cosimo Lopalco. Sette danzatrici – Giulia Anastasio, Chiara Casiraghi, Ilaria Corsi, Camilla Giani, Giulia Gilera, Françoise Parlanti, Lucrezia Rosellini –  nove performer – Giovanna Daddi, Filippo Frittelli, Ian Gualdani, Dario Marconcini, Riccardo Massai, Fabio Novembrini, Massimo Paganelli, Valerio Palladino, Mosè Risaliti, oltre al tenore Angelo Fiore e al pianista Alessandro Manetti, andranno in scena nell’opera diretta dalla  coreografa Francesca Foscarini e dal drammaturgo Cosimo Lopalco. Caruso-Museo dell’Altrove è una produzione di Van e Compagnia degli Istanti/compagnia Simona Bucci con Fabbrica Europa. Biglietti: intero 13€, ridotto 10€; info e prenotazioni 055 2638480 / 055 365707 www.fabbricaeuropa.net

Nel Cappellone di Sant’Antonio Abate nel Monastero delle Sorelle Clarisse di San Casciano (giardini Santa Chiara D’Assisi; ingresso libero su prenotazione al 329 4187925) domenica 3 alle 17, nel centenario della morte di Dante, l’Ensemble  Polifonico “Clemente Terni” diretto da Guglielmo Visibelli presenta «La memoria musicale di Dante», uno spettacolo che prende spunto dalle citazioni musicale dirette e indirette presenti nell’opera di Dante. Il programma comprende musiche di Notker Balbulus, Peire Cardenal, Berenguer de Palou, Thibaut de Champagne, Gace Brulé, Arnaut Daniel e di vari anonimi, nella trascrizione di Clemente Terni. Lorena Giacomini (soprano), Costanza Redini (contralto), Gualtiero Spini e Alessandro Guerrini (tenori), Oronzo Parlangéli (baritono), Antonio Torrini e Alessandro Guerrini (basso).

Come si portano le parole degli altri quando questi altri sono persone e non personaggi? Si deve essere interpreti o testimoni? Che diritto mi prendo per usare quelle parole pericolose? Devo assomigliare a lui, lui che parlando ha rischiato, ha lottato, ha perso, a volte?Questi gli interrogativi che si pone Renata Palminiello, sabato 2 alle 21.15 al Teatro Mascagni di Popiglionell’ambito del cartellone estivo “Ancora… Spazi aperti”, promosso dall’Associazione Teatrale Pistoiese con il Comune di San Marcello PiteglioSul palco, e nel progetto, anche Maria Pasello Bacci, Carolina CanginiStefano DonzelliMarcella FaraciMassimo GrigòSena LippiElena MeoniMariano Nieddu.

Fino a domenica 3 c’è Pisa Book Festival. Torna il salone dell’editoria indipendente, a Pisa fra gli Arsenali Repubblicani, il Museo delle Navi Antiche e Palazzo Blu; appuntamenti letterari con grandi autori e anteprime; la presenza di autori stranieri è ovviamente minore rispetto al pre-Covid, ma c’è la prima edizione del Pisa book translation award, premio dedicato alla traduzione letteraria organizzato in collaborazione con l’Università di Pisa, che sabato 2 alle 18 verrà consegnato a Bruno Mazzoni, esperto di lingua e letteratura romena, nel corso di una cerimonia al Museo delle navi antiche. Agli Arsenali Repubblicani, sul lungarno Simonelli, gli stand degli editori indipendenti (dalle 10 alle 20, ingresso gratuito con green pass). Domenica alle 11.30 a Palazzo Blu omaggio a Dante con Alberto Casadei e Paolo Gervasi, autori del saggio Voce di Dante. Performance dantesche tra teatro, tv e nuovi media, in cui si ripercorre la storia delle performance tratte dall’opera dantesca fino alla Societas Raffaello Sanzio e i Magazzini; alle 18 invece Lina Bolzoni, emerita di letteratura italiana della Normale, conversa con lo storico dell’arte Giorgio Bacci per presentare La commedia di Dante nello specchio delle immagini, il volume con cui l’Enciclopedia Italiana Treccani celebra il Sommo poeta nel settecentenario della morte. Interverrà anche il direttore generale della Treccani Massimo Bray. Sabato 2 alle 14 ricordo di Luis Sepulveda della sua traduttrice Ilide Carmignani (Museo delle navi). Per la satira, Federico Palmaroli, illustratore romano ideatore e curatore della pagina Facebook “Le più belle frasi di Osho” (domenica 3 alle 11, Museo delle Navi). Agli incontri è possibile prenotarsi su www. pisabookfestival. com.

Domenica 3 si concludono a Lucca il 27° Festival Luccautori e il 20° Premio Racconti Nella Rete (www.raccontinellarete.it): i 25 racconti vincitori sono pubblicati in una antologia edita da Castelvecchi, che sarà presentata in anteprima al festival LuccAutori; il disegno dell’antologia è di Bruno Bozzetto, che sarà anche protagonista sabato 2 di un incontro con il pubblico e gli studenti inserito nelle Occasioni Tobiniane. All’auditorium San Romano sabato 2 alle 18 incontro con Carlo Verdone (per prenotare, compilare ed inviare il modulo che si trova nel sito www.luccautori.it); a Villa Bottini domenica 3 alle 18 Francesco Sabatini, presidente onorario dell’accademia della Crusca, interverrà sul tema: “L’italiano di oggi e l’italiano di Dante”. Per informazioni sul programma: ww.raccontinellarete.it – tel. 0584 651874.

Il regista russo Aleksandr Sokurov riceverà il premio alla carriera del Lucca Film Festival e Cinema Europa 2021, sabato 2 alle 21 presso il Cinema Astra di Lucca. Per l’occasione, dopo l’incontro con il cineasta, sarà proiettato il suo film “Madre e figlio”, con il quale, nel 1997, fu acclamato internazionalmente. Il premio alla carriera è realizzato da Martinelli Luce, creazione di Emiliana Martinelli, che ha disegnato una lampada ispirata dal mondo del cinema. Il festival, in programma fino all’11 ottobre, è uno degli eventi di punta del panorama nazionale, realizzato grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito su prenotazione  dal sito (dove si trova anche il programma completo delle proiezioni) www.luccafilmfestival.it 

Antonello Venditti, eventi, Fiera internazionale della ceramica, Fireze, La Traviata, Linda di Chamounix, mostra dei fiori, mostre, Musica, opera lirica, Pisa Book Festival, Toscana, week end

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080