Tornano le stragi del sabato sera: 4 giovani morti e 4 feriti. Asaps avverte, è calata l’attenzione

ROMA – Da tempo non se ne parlava più, sembrava che controlli e sanzioni avessero allentato la serie di morti nelle cosiddette stragi del sabato sera. Ma nell’ultimo week end sono morti e feriti complessivamente 8 giovani.

Un ragazzo di 25 anni è morto, prima dell’alba, a Milano, dopo un incidente stradale in cui era rimasto ferito: era stato adagiato sulla sede stradale ed è stato investito da un mezzo che passava. L’incidente è accaduto alle 5.10 sull’allacciamento della Tangenziale Ovest e l’autostrada A7 verso Corsico (Milano) e ha coinvolto l’auto sulla quale si trovava il giovane – con a bordo altri due amici, due ragazzi di 25 e 23 anni – e un furgoncino guidato da un 23enne.

Un altro incidente mortale in Lombardia, a Colico (Lecco). E’ un giovane residente nella zona dell’Alto lago il presunto pirata della strada che ha investito, uccidendolo, il 57enne Alessandro Martinelli prima dell’alba. I carabinieri sarebbero riusciti in poche ore a risalire al presunto autore dell’omicidio stradale, avvenuto vicino a una discoteca della zona, poi allontanatosi senza prestare soccorso. La vittima, residente nel vicino comune di Cosio Valtellino (Sondrio) e gestore a sua volta di un locale pubblico, un pub, stava camminando a lato della strada. Gli investigatori stanno cercando di far luce su tutto l’accaduto, avvalendosi anche delle telecamere della zona.

Purtroppo in poche ore si sono verificati altri incidenti mortali che hanno coinvolto sempre giovani in varie regioni d’Italia. Una ragazza è morta a Lipari, 4 i giovani feriti. Inoltre un treno ha travolto una ragazza di 16 anni in Puglia.

Asaps: Tornano le stragi, l’attenzione è calata
Sulle stragi sulle strade nel fine settimana «si sono fatti grandi passi in avanti, siamo passati da 917 morti nel 2001 a meno di 300 nel 2019, con l’uso degli etilometri, autovelox e campagne mirate. Ma ora l’attenzione sul tema è prossima allo zero, non si parla di incidenti stradali se non avvengono con i monopattini. C’è un disarmo totale nell’intercettare queste situazioni, e se si taglia è ovvio che ci sono carenze di pattuglie sulle strade».

Lo dice Giordano Biserni, presidente dell’Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale che rileva «cifre preoccupanti. I numeri degli incidenti stanno salendo di settimana in settimana. Quest’estate, in tre mesi, sono morti 190 motociclisti solo nel fine settimana, nei 3 mesi estivi 59 ciclisti morti, e 16 bambini. Ma la curva dell’attenzione, anche da parte della politica, è calata, lo dimostra la difficoltà nelle modifiche del codice».

sabato, sera, stragi


Paolo Padoin

Già Prefetto di Firenze Mail

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080