La Sorbona lancia l’idea: città a misura d’uomo. Come Firenze fino a metà anni Ottanta

Un artigiano al lavoro

Dal genio dei parigini, e dalla loro culla dell’ingegno, l’Università della Sorbona, arriva la grande idea: modellare le città a misura d’uomo. Nel senso che tutto quello che serve dev’essere a non più di un quarto d’ora a piedi da casa: lavoro, negozi, strutture sanitarie, scuole, impianti sportivi, spazi culturali, bar e ristoranti. Lo chiamano la città dei 15 minuti: un concetto elaborato dall’urbanista franco-colombiano, appunto professore alla Sorbona, Carlos Moreno, inserito l’anno scorso nel programma elettorale della sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, e riproposto, con la bramosia di agguantare una novità pur di non preoccuparsi dello sfacelo che si ritrova a gestire, dal neo-sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. A me tutto questo ricorda qualcosa di familiare, e naturalmente già visto e vissuto. Dove?

LAVORARE E GODERE – Andiamo avanti: la città dei 15 minuti vuole riportare nei quartieri delle metropoli tutto quello che serve per vivere e lavorare, e che l’urbanistica del 900 ha spostato nelle periferie o nell’hinterland. Entro un quarto d’ora a piedi da casa, il cittadino deve poter trovare quelle che Moreno chiama le 6 funzioni urbane essenziali: vivere, lavorare, fornire, curare, imparare, godere. Ovvero: luoghi di lavoro (anche in coworking), negozi, ambulatori, scuole, impianti sportivi, spazi culturali, luoghi di aggregazione. In pratica, è la negazione della maggior parte dell’urbanistica del Novecento, che ha separato le abitazioni dai luoghi di lavoro e dai servizi, imponendo alla gente di spostarsi in auto o in mezzo pubblico. Scelta che poteva avere un senso quando le fabbriche erano altamente inquinanti, ma che oggi genera solo traffico, polveri sottili e gas serra.

VITA IN BUS – La situazione poi è stata aggravata dall’arrivo dei grandi centri commerciali, che hanno decentrato lo shopping fuori città. Il risultato è che oggi i cittadini sono costretti a passare un pezzo consistente della loro vita rinchiusi nelle automobili, nei bus e nelle metro. La città dei 15 minuti vuole ripensare l’assetto urbano per ritornare al quartiere, alla vita sotto casa e alla socializzazione. Vuole ridurre gli spostamenti in auto e quindi il numero dei veicoli, trasformando i posteggi in isole pedonali e luoghi di aggregazione, moltiplicando gli usi degli edifici (il cortile di una scuola che nel finesettimana diventa parco giochi).

FIRENZE – E qui torno alla domanda che ho posto alla fine del primo capoverso. Quale città era a misura d’uomo, dove facendo giusto due passi, e camminando assai meno dei 15 minuti paventati dal professor Moreno, si poteva avere tutto a portata di mano? Naturalmente a Firenze: dove dagli anni Cinquanta al 1985-86, il centro storico, oltre ad essere lo scrigno mondiale dell’arte e della cultura, cultura era una risorsa fantastica, l’ideale per vivere e fare tutto quello che era necessario. A pochi metri dalla Cupola del Brunelleschi, da Palazzo Vecchio, dal David di Michelangelo e dalla Venere del Botticelli, c’erano le botteghe a conduzione familiare, dove trovavi tutto e a qualsiasi ora. E se era necessario ti portavano la spesa a casa. C’erano le botteghe artigiane, dove si costruiva e si riparava qualsiasi cosa. Chiamare un fabbro, un falegname, un elettricista era semplicissimo: una telefonata e arrivava.

PENTACAMERE – Ma soprattutto, quella città organizzatissima dove c’era ogni ben di Dio a portata di mano, era popolata. La gente viveva in centro: dove gli affitti erano ancora sopportabili per chi poteva contare solo su uno stipendio o una pensione. Ecco il punto nodale: gli affitti. Già dopo l’alluvione del ’66 non pochi fiorentini si fecero abbagliare dai nuovi appartamenti pentacamere in periferia o nell’interland: Novoli, Casellina, Scandicci, Bagno a Ripoli e via andare. Poi, spinti dai rincari delle società che avevano soppiantato i vecchi padroni di casa, cominciarono a fuggire anche coloro che avevano resistito. Quindi il colpo finale: affitti alle stalle anche per i fondi commerciali. Fuga di bottegai e artigiani. E centro storico spopolato. Per diventare preda delle multinazionali vogliose di acchiappar turisti. Fine della Firenze a misura d’uomo. E spazio alla città vetrina. Senza che nessuna amministrazione comunale abbia saputo (e voluto) evitare lo sfacelo. Una città vetrina poi messa in ginocchio dal covid. E ora un po’ ringalluzzita dal ritorno del turismo mordi e fuggi. Che porta poco e danneggia molto. E si arriva all’oggi, con la notizia parigina esaltata dal nuovo sindaco romano: bisogna rendere le città a misura d’uomo, tutto a 15 minuti da casa. Com’era la Firenze di una volta. Forse proprio quella che potrebbe aver ispirato il professore della Sorbona.

 

città dei 15 minuti, Firenze, Sorbona


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080