Week end 13-14 novembre a Firenze e in Toscana: spettacoli, eventi, mostre

Firenze al tramonto (foto F. Fornasaro)

FIRENZE – Week end ricco di eventi: gli spettacoli di prosa a teatro, i concerti degli Amici della musica, il gran finale di Suoni Riflessi, i Concerti della liuteria toscana, lo spettacolo per ragazzi del Maggio Musicale al Teatro Goldoni, le Conversazioni in San Francesco a Lucca.

Suoni riflessi si conclude domenica 14 alle 11 in Sala Vanni (Piazza del Carmine) con un contributo non scontato all’anno dantesco: Diavoli in Comedia. Canti XXI e XXII – Malebolge, lettura a cura di Alberto Batisti, con  Leonardo Bartelloni, pianoforte, Mario Ancillotti, flauto, Marcello Bonacchelli, clarinetto, Pino Tedeschi, violino. Uno stimolo bizzarro che viene a svelare e scoprire l’aspetto più estroso e grottesco, ma assieme geniale e sfacciato, sanguigno e divertito del sommo Poeta, l’aspetto che ci induce per una volta a parteggiare per i diavoli e anche per i dannati che riescono a gabbarli. Ingresso 10- 15 €, prima del concerto o online sul sito della manifestazione. In programma musiche di Mussorgsky, Strawinsky, Prokofiev, Bartok. 

Sabato 13 alle 16 al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) debuttano in duo agli Amici della Musica i fratelli armeni Sergey e Lusine Khachatryan. In programma, la Ciaccona dalla Partita n. 2 in re minore per violino solo di J. S. Bach, la Sonata n.4 in la maggiore D574 di F. Schubert, la Sonata n. 3 in sol minore di C. Debussy, la Sonata in si minore di O. Respighi. Coppia d’eccellenza, lui ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale Jean Sibelius di Helsinki nel 2000, diventando il più giovane vincitore nella storia del concorso, mentre nel 2005 ha ottenuto il primo premio al Concorso Queen Elisabeth di Bruxelles. Domenica 14 alle 21 al Saloncino del Teatro della Pergola sarà la volta del Takács Quartet (nella foto). Quartetto d’archi nato nel 1975 e della cui formazione fa ancora parte il membro fondatore András Fejér (violoncello), esegue il Quartetto n. 15 in re minore K. 421 di W.A. Mozart, il Quartetto n. 2, “Lettere intime” di L. Janáček e il  Quartetto n. 1 in mi minore  di B. Smetana. I biglietti per tutti i concerti fino al 19 dicembre sono in vendita presso il Teatro della Pergola nei nuovi orari della biglietteria (dal martedì al sabato ore 10.00-19.00 / domenica ore 10.00-13.00 / lunedì chiuso) e online su TicketOne. Il calendario completo è online su www.amicimusicafirenze.it

Al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) sabato 13 alle 20.45 e domenica 14 alle 15.45 Laura Morante è in anteprima nazionale con Io Sarah, io Tosca in cui è Sarah Bernhardt, la mitica attrice a cui Victorien Sardou dedicò La Tosca, il celebre dramma trasformato in libretto da Illica e Giacosa e messo in musica da Giacomo Puccini. In scena anche la giovane musicista Chiara Catalano, che interagisce, commenta e dialoga con Laura Morante soltanto con il suono del suo pianoforte e con il canto, in un flusso continuo di recitazione, azione e musica avvincente, emozionante, e a tratti anche divertente; musiche di Mimosa Campironi. Intero 40€ Platea, 32€ Palco, 24€ Galleria – Ridotto Over 60 (tranne la domenica) 35€ Platea, 28€ Palco, 19€ Galleria – Ridotto Under 30 (tranne la domenica) 28€ Platea, 23€ Palco, 17€ Galleria – Ridotto Abbonati Teatro della Toscana (tutti i giorni, massimo 4 biglietti a tessera) 31€ Platea, 24€ Palco, 18€ Galleria. È attivo il Servizio Cortesia, per informazioni e vendite telefoniche, negli stessi orari della biglietteria al numero 055.0763333. BoxOffice e sul sito TicketOne 

Al Teatro Puccini (via delle Cascine 41) sabato 13 alle 21 la Compagnia Lombardi Tiezzi presenta Antichi Maestri, dal romanzo Alte Meister di Thomas Bernhard, regia Federico Tiezzi. Reger: Sandro Lombardi; Atzbacher: Martino D’Amico; Irrsigler: Alessandro Burzotta. Nella Sala Bordone della Pinacoteca di Vienna, un uomo — un musicologo — si siede e guarda un famoso quadro di Tintoretto. Scopriremo che compie questo rito, ogni due giorni, da più di trent’anni. Un secondo uomo — uno scrittore — più giovane, osserva il primo uomo che guarda il quadro. Un terzo uomo — uno dei custodi della Pinacoteca — osserva entrambi. Bernhard innesca un feroce divertissement verso quello che lo scrittore austriaco considera simbolo dell’ipocrisia per eccellenza: l’essere umano. Biglietti 20 / 15 euro; Box Office/Ticketone. Acquisto on line su www.teatropuccini.it; info 055.362067 – 055.210804 www.teatropuccini.it – info@teatropuccini.it – www.facebook.com/teatro.puccini. Domenica 14 alle 16.45 Pupi di Stac presentano La bella Addormentata nel bosco di Enrico Spinelli, burattini Roberta Socci, scenografie Roberta Socci, musiche da Pëtr Il’ič Čajkovskij (euro 8). Lunedì 15 alle 21 andrà in scena l’ultimo monologo della rassegna PERSONaE, ideata da Anna Meacci e prodotta dalla Catalyst: “Donna” di e con Lara Gallo.

Gran successo al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) per ENEIDE La rotta mediterranea, nuovo lavoro di Edoardo Zucchetti che parte dal celebre poema epico per raccontare le migrazioni di tutti i tempi. In replica fino a domenica 14 novembre (giorni feriali ore 21, domenica ore 16.30), questa inedita riscrittura dell’opera di Virgilio a cura di Angelo Savelli e prodotta da Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi, grazie anche all’ausilio di contributi video e di immagini inedite della Libia, Kabul e Lampedusa, vuole indurre a una riflessione sul presente: traversate, sbarchi, accoglienza, integrazione, respingimenti, tutto era già scritto e la storia si ripete (16 / 14 euro; info e prenotazioni: 055/422.03.61 – www.toscanateatro.it).

Domenica 14 alle 21 all’Auditorium di S. Stefano al Ponte (piazza S. Stefano, 3 – ingresso 10 euro) per i Concerti della liuteria toscana il Trio dell’Orchestra da Camera Fiorentina che allinea Mattia Fusi al pianoforte, Giovanni Inglese al violoncello e Francesco Darmanin al clarinetto, esegue il Trio per pianoforte n. 4 in si bemolle maggiore, op. 11 che Beethoven compose in onore della contessa Von Thun e il Trio in la minore per clarinetto, violoncello e pianoforte, op. 114 di Brahms. Nel segno di Mozart il concerto di lunedì 15, sempre alle 21, con i Solisti dell’Orchestra da Camera Fiorentina; i due violoncelli che si ascolteranno nelle due serate escono dalla bottega di Claudio Arezio, allievo di Igino Sderci e Roberto Ignesti. Prevendite su www.ticketone.it e nei punti Box Office Toscana. Programma completo sul sito www.orchestrafiorentina.it. Per informazioni e prenotazioni 055.783374 – 333 7883225.

Da domenica 14 a giovedì 25 novembre al Teatro Goldoni Così fan tutti! – L’amore è un gioco, un nuovo allestimento del Maggio Musicale Fiorentino in coproduzione con Venti Lucenti (dall’opera Così fan tutte di Wolfgang Amadeus Mozart).

Sabato 13 e Domenica 14 al Teatro dell’Affratellamento (via G.P. Orsini 73) underweARTheatre presenta Salomè da Oscar Wilde per l’adattamento e regia di Filippo Frittelli;  ritorno alla forma teatrale di un testo dalla travagliata vicenda di censura divenendo un’alternativa alla più nota e diffusa versione operistica musicata da Richard Strauss. Salomé: Ludovica Rio; Giovanni Battista: Federico Tassini; Erode: Filippo Frittelli; Erodiade: Daniela Tamborino; Siriano: Giorgia Stornanti; Falsa Salomé (danzatrice del ventre): Lara Yalil. Biglietti 15 euro (10 under 25); info e prenotazioni 348 2502920; prenotazione obbligatoria; biglietteria online https://www.eventbrite.it

Al Cinema La Compagnia (Via Cavour 50r) fino a domenica 14 c’è Lo schermo dell’arte – Festival di cinema e arte contemporanea, 14a edizione, diretto da Silvia Lucchesi. Sabato 13 giornata dedicata al mondo del teatro con la prima di Fuori dai teatri (2021) e vari altri titoli; protagonista della serata di domenica 14 l’artista iraniana Shirin Neshat che chiuderà il programma in presenza presentando il suo ultimo film Land of Dreams alle 21. Dettagli e prezzi su www.schermodellarte.org

Per i concerti gratuiti di A.Gi.Mus. Firenze all’Auditorium Ottone Rosai (Via dell’Arcovata 4/6), in collaborazione con il Quartiere 5 del Comune di Firenze domenica 14 alle 11  si esibirà il Trillo Flute Ensemble, concertatore Michele Marasco; ingresso libero.

Domenica 14 dalle 11 alle 20 a Palazzo San Niccolò (Via di San Niccolò 79) giornata dedicata alle eccellenze dell’handmade dell’artigianato e dell’enogastronomia italiane nell’elegante contesto di Palazzo San Niccolò a Firenze. Torna lo shopping di qualità: bijoux e gioielli, abbigliamento borse e scarpe, kimoni e accessori, profumi e cosmesi, raffinate decorazioni per la casa e prodotti enogastronomici di alta qualità. Immancabile il Real Taste of Tuscany corner con guide su eventi e specialità toscane. Alla manifestazione sarà presente come ospite l’associazione Voa Voa! Onlus Amici di Sofia. Entrata libera – Free Entrance Strana.mente Events strana.mente@live.it

Al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci (Via Gaetano Donizetti 58) sabato 13 alle 21 Woody Neri è William Shakespeare in Shakespearology, scritto da Daniele Villa, concept e regia di Sotterraneo. È un one-man-show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani più o meno pop, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che dice la sua, interrogando il pubblico del nostro tempo. Intero 15€ ridotto 10€; Servizio Cortesia, per informazioni e vendite telefoniche, 055.0763333. Acquisto nei punti vendita BoxOffice e online sul sito TicketOne

Al Teatro Magnolfi di Prato, sabato 13 alle 17, nel tema delicato della morte raccontata a un bambino si snoda lo spettacolo Mattia e il nonno di Factory compagnia transadriatica, secondo appuntamento della rassegna MET^RAGAZZI. Tratto dall’omonimo piccolo capolavoro di Roberto Piumini – uno degli autori italiani più stimati della letteratura per l’infanzia –, adattato abilmente da Tonio De Nitto (anche regista) e interpretato da Ippolito Chiarello, lo spettacolo (Vincitore del Premio Eolo Awards 2020 come migliore spettacolo dell’anno) insegna con gli occhi innocenti di un bambino e la saggezza di un nonno a vivere la perdita come trasformazione e a comprendere il ciclo della vita; info e prenotazioni: 0574 608501; biglietti: ragazzi 6 euro, adulti 7 euro

Domenica 14 dalle 11 alle 18 in uno dei più interessanti esempi di archeologia industriale di Prato, la Ex Anonima Calamai in via Guido Monaco, apre LANARCHICO, studio  d’artista che ospita eventi. I lavori di costruzione dell’ Ex Anonima Calama risalgono alla fine dell’800 e negli anni si sono evoluti. Anche Pier Luigi Nervi vi realizzò alcuni capannoni, adibiti a tintoria, caratterizzate da un suggestivo sistema di coperture.

Ultime recite al Piccolo Teatro Mauro Bolognini di Pistoia per la produzione dell’Associazione Teatrale Pistoiese, GRANDI DISCORSI, sabato 13 alle 21 e domenica 14 alle 16, ideata e diretta da Renata Palminiello. Lo spettacolo sarà poi al Teatro Pacini di Pescia sabato 20 novembre (ore 21) e a Villa Smilea a Montale domenica 21 novembre (ore 21), in collaborazione con le rispettive Amministrazioni Comunali; info e prevendite 0573 991609 – 27112 www.teatridipistoia.it

A La città del Teatro di Cascina sabato 13 alle 21 la Carrozzeria Orfeo in Miracoli metropolitani, drammaturgia di Gabriele De Luca, con Elsa Bossi (Patty), Ambra Chiarello (Hope), Federico Gatti (Igor), Beatrice Schiros (Clara), Massimiliano Setti (Cesare), Federico Vanni (Plinio) Aleph Viola (Mosquito/Mohamed); spettacolo comico-grottesco, ma con profondità, nello stile della compagnia; nella loro cucina sgangherata, i protagonisti devono vedersela con ricette assurde per comporre alla meglio un menù europeo, asiatico o africano, spesso usando prodotti precotti e presurgelati dalla dubbia provenienza, esclusivamente per soddisfare le richieste di un mercato globale che vuole nutrirsi sempre di più e pagare sempre di meno. Per restituire al pubblico la concretezza delle tematiche trattate, si cucina davvero.

Domenica 14 alle 18 secondo appuntamento delle Conversazioni in San Francesco, la rassegna ideata e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, intitolata per questa VII edizione “Futura. Congetture per il prossimo millennio”. L’ospite di questa settimana sarà Stefano Mancuso, lo scienziato di fama mondiale, che nella lectio Le città immaginate: riportare la natura nei quartieri urbani, chiarirà, senza usare mezzi termini, quali siano le condizioni di estrema necessità in cui versa il nostro pianeta. L’emergenza climatica è sotto gli occhi di tutti, le stagioni mutano di anno in anno e il fabbisogno di ossigeno ci sta conducendo a gran velocità verso un punto di non ritorno. L’incontro, come tutto il ciclo, è a ingresso gratuito, ma per partecipare occorre prenotarsi online sul sito www.fondazionecarilucca.it entro le 12 di domenica 14.

Firenze è un set cinematografico a cielo aperto ed allora ecco l’idea di visitare la città ripercorrendo 20 scene tra le più divertenti di uno dei film più conosciuti ed amati di tutta la storia della commedia italiana come Amici Miei. Questo percorso di cineturismo vuole offrire ai fiorentini e ai turisti la possibilità di vivere le location che hanno fatto da sfondo a questa produzione cinematografica senza tempo con scorci più e meno noti del centro storico del capoluogo fiorentino da percorrere a piedi dal Piazzale Michelangelo fino al Bar Necchi, dalla casa del Perozzi fino a Santo Spirito, rivedendo anche grazie all’ausilio di Youtube le scene del film. Ogni domenica alle 10, una guida turistica accompagnerà i visitatori tra le vie e le piazze di Firenze, guidandoli in un racconto fresco e divertente che farà rivivere il film nei luoghi in cui Monicelli lo ha ambientato. Oltre alle coinvolgenti clip del film, i fans potranno ricevere informazioni sulla storia della città, che renderanno la passeggiata un’esperienza ancora più affascinante ed indimenticabile. Ritrovo Tour Abbazia di San Miniato al Monte 15 minuti prima. Durata 3 ore. Costo 10€ a persona (che comprende tour, guida turistica, bicchiere di vino de La Tognazza) Per Prenotazioni ed Informazioni cinema@supercazzola.it

Aperto al pubblico il Museo di Casa Siviero (Lungarno Serristori, 1/3, senza bisogno di prenotazione: sabato ore 10-18; domenica ore 10-13; lunedì ore 10-13; negli altri giorni solo piccoli gruppi su prenotazione).

Aperto il Museo della Fondazione Zeffirelli in Piazza San Firenze; ogni sabato mattina, alle 11 sarà possibile partecipare alla visita guidata gratuita a cura dello staff interno della Fondazione Zeffirelli. Prenotazioni 320 1637839. Intero: 12 € Ridotto over 65 anni e studenti sotto 18 anni: 8 € Disabile gratuito, accompagnatore 8 € Gratuito per i bambini sotto i 6 anni Biglietto famiglia: 20,00 € per genitori e figli sotto i 14 anni Kids kit: 4,00 €

Palazzo Strozzi dal 2 ottobre al 30 gennaio 2022 ospita una grande mostra dedicata a Jeff Koons, una delle figure più importanti e discusse dell’arte contemporanea a livello globale. A cura di Arturo Galansino e Joachim Pissarro, la mostra porta a Firenze una selezione delle più celebri opere. Sviluppata in stretto dialogo con l’artista, la mostra Jeff Koons. Shine ospita prestiti provenienti dalle più importanti collezioni e dai maggiori musei internazionali, proponendo come originale chiave di lettura dell’arte di Jeff Koons il concetto di “shine” (lucentezza) inteso come gioco di ambiguità tra splendore e bagliore, essere e apparire.

Palazzo Medici Riccardi (Via Camillo Cavour 3) dal 17 giugno al 14 novembre 2021 c’è la mostra “AniMA | La Magia del Cinema d’Animazione da Biancaneve a Goldrake”. Inoltre in occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021), dal 16 settembre al 16 novembre 2021, il Museo di Palazzo Medici Riccardi e la Biblioteca Moreniana ospitano una piccola e preziosa esposizione dedicata al Sommo Poeta. La mostra, promossa dalla Città Metropolitana di Firenze e curata da MUS.E, inaugura il ciclo Cammei, una rassegna espositiva dai toni intimi, di piccole dimensioni, ma di grande importanza, dedicata alla valorizzazione delle opere e delle storie legate a Palazzo Medici Riccardi.

Alla Cattedrale dell’Immagine, parte del complesso di Santo Stefano al Ponte, mostra digitale immersiva Inside Dalí realizzata da Crossmedia Group con il supporto della Fondazione Gala Salvador Dalí, che fino al 16 gennaio 2022 punta a esplorare l’universo onirico immaginario di Salvador Dalí e a riscoprire la vita di quello che è stato uno dei maggiori pittori del XX secolo e la vera icona del surrealismo. Un’esperienza multisensoriale che si colloca tra immaginazione e realtà, ma anche un mix di tecnologie all’avanguardia, immagini, veri e propri artefatti, illusioni e allusioni, il tutto in simbiosi perfetta con l’universo unico dell’artista catalano. Ogni giorno avranno luogo le ininterrotte repliche della mostra immersiva, nel cui cuore si trova uno spazio multimediale a 360°, per una superficie di più di 400 m2, dove il visitatore è indotto ad attraversare il mondo del genio surrealista in una completa e “daliniana” immersione di oltre 35 minuti: un momento altamente emozionale che colpirà gli spettatori come niente prima d’ora.

In occasione del settecentenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021), i Musei Civici Fiorentini e MUS.E – sotto l’egida dell’Ufficio Patrimonio Mondiale del Comune di Firenze e grazie al sostegno di Aquila Energie e di LABA – Libera Accademia di Belle Arti di Firenze, presentano “Dante Alighieri, gli Uomini illustri e il Bene comune” a cura di Carlo Francini e Valentina Zucchi iniziativa speciale dedicata al sommo poeta e al suo legame con le istituzioni civiche fiorentine che porta nella dei sala dei Gigli di Palazzo Vecchio un’esperienza immersiva inedita. Fino al 15 novembre.

All’Istituto degli Innocenti in  Piazza della SS. Annunziata fino al 31 gennaio c’è la mostra I Love Lego; esperienza imperdibile per i bambini, per le famiglie e per i tanti adulti che continuano a coltivare l’amore per i mattoncini più famosi del mondo; la mostra, non sponsorizzata direttamente da Lego, è stata realizzata dal più importante gruppo di collezionisti privati che abbiamo in Italia.

Per la rassegna 1321 – 2021. Nei dintorni di un Centenario, nella Pinacoteca della Certosa di Firenze c’è “… fresco smeraldo in l’ora che si fiacca. Suggestioni dalla Divina Commedia di Dante Alighieri”, mostra di tele e disegni di Ernesto Piccolo, calabrese di nascita, ma fiorentino d’adozione. Curata da Francesco Gurrieri, la mostra propone una cinquantina di opere – tra tele dipinte e disegni preparatori – e si configura come un omaggio pittorico alla figura del Sommo Poeta nel 700° anniversario della morte che vede protagonista un vero e proprio maestro del colore, così come nel titolo si fa riferimento ai versi 70-81 del settimo canto del Purgatorio. Visibile tutti i giorni (eccetto il lunedì e la domenica mattina) con orario 10-12 e 15-17 fino al 31 gennaio 2022, la mostra è arricchita da un catalogo curato da Alessandro Andreini ed edito da Feeria e Polistampa che, oltre alle fotografie di tutte le opere visibili nella Pinacoteca della Certosa, ospita i testi di Eugenio Giani, Carmelo Mezzasalma, Cristina Acidini, Francesco Gurrieri, Luigi Zangheri, Giorgio Bonsanti, Ugo Barlozzetti ed Enrico Sartoni. 055 2047729 www.certosadifirenze.it

Turandot e l’Oriente fantastico di Puccini, Chini e Caramba (Museo del Tessuto, Prato dal 22 maggio al 21 novembre) è il frutto di un lungo e accurato lavoro di ricerca compiuto dal Museo sullo straordinario ritrovamento di un nucleo di costumi e gioielli di scena risalenti alla prima assoluta della Turandot di Puccini e provenienti dal guardaroba privato del grande soprano pratese Iva Pacetti. Un’esposizione inedita, multidisciplinare, che nasce grazie alla collaborazione di enti e istituzioni pubblici e privati italiani di grande prestigio che a vario titolo hanno contribuito a questo ambizioso progetto: ricostruire le vicende che hanno portato il grande compositore toscano Giacomo Puccini a scegliere Galileo Chini per la realizzazione delle scenografie per la Turandot, andata in scena per la prima volta al Teatro alla Scala il 25 aprile 1926, diretta da Arturo Toscanini. Co-organizzatore della mostra è il Sistema Museale dell’Ateneo fiorentino nel cui Museo di Antropologia e Etnologia è conservata una collezione di oltre 600 cimeli orientali, riportati da Galileo Chini – grande interprete del Liberty italiano – al rientro dal suo viaggio in Siam nel 1913 e da lui personalmente donati nel 1950 al Museo fiorentino. A questi si aggiunge il contributo degli enti prestatori: l’Archivio Storico Ricordi, il Museo Teatrale alla Scala e l’Archivio Storico Documentale Teatro alla Scala, le Gallerie degli Uffizi – Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti, la Fondazione Giacomo Puccini di Lucca, la sartoria Devalle di Torino, l’Archivio Corbella di Milano, la Società Belle Arti di Viareggio e numerosi prestatori privati. Il percorso espositivo della mostra – che occupa circa 1.000 metri quadri complessivi – si apre nella Sala dei Tessuti Antichi con una selezione di circa 120 oggetti della collezione Chini, proveniente dal Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze: tessuti, costumi e maschere teatrali, porcellane, strumenti musicali, sculture, armi e manufatti d’uso di produzione thailandese e cinese – suddivisi per ambiti tipologici all’interno di grandi teche espositive – che sono stati continua fonte di ispirazione per l’Artista e sono diventati soggetti di suoi numerosi dipinti. Al piano superiore sezione dedicata alle scenografie per la Turandot e al forte influsso che l’esperienza in Siam ebbe nell’evoluzione del percorso creativo e stilistico di Chini. La terza e ultima sala riunisce finalmente, dopo decenni di oblio, gli straordinari costumi della prima dell’opera. Infatti, accanto a quelli della protagonista di proprietà del Museo – su una grande pedana rialzata che la prima volta nella storia riunisce la straordinaria parata realizzata da Caramba nel 1926 – sono esposti anche 30 costumi straordinari provenienti dall’archivio della Sartoria Devalle di Torino, comprendenti i ruoli primari e comprimari – l’Imperatore, Calaf, Ping, Pong e Pang, il Mandarino – e i secondari – i Sacerdoti, le Ancelle, le Guardie, i personaggi del Popolo. Si tratta dei costumi originali realizzati per la stessa edizione dell’opera, anch’essi inizialmente scomparsi, ma poi rocambolescamente ricomparsi a metà degli anni Settanta ed entrati a far parte definitivamente di questo meraviglioso archivio storico privato.

Al PALP Palazzo Pretorio di Pontedera fino al 20 marzo 2022 sono esposte oltre 140 opere di Andy Warhol, raccontano la storia del più pungente interprete della società di massa, testimone variopinto delle icone del suo tempo. La mostra, organizzata in cinque sezioni, approfondisce i diversi aspetti di Andy Warhol. Il percorso espositivo permette di scoprire la vita di questo straordinario personaggio partendo dai suoi primi lavori fino a quelli della fine degli anni Ottanta. Info https://www.palp-pontedera.it

Dal 18 settembre al 19 dicembre 2021 sarà esposto ad ingresso gratuito nella chiesa di San Franceschetto a Lucca l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese, nella mostra Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro, a cura di Ilaria Boncompagni, Oreste Ruggiero e Laura Speranza. La statua in terracotta dipinta, da alcuni attribuita ad un giovane Leonardo da Vinci, si fermerà a Lucca per la seconda tappa del suo percorso, che la riporterà poi nella Pieve di San Gennaro sulle colline lucchesi, sua secolare collocazione, anch’essa appositamente restaurata per l’occasione grazie ad un intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

La fantasia al potere, insieme all’arte, alla poesia e al colore. Per l’eclettico artista Tano Pisano – siciliano di nascita, giramondo per vocazione e da alcuni anni versiliese d’adozione – si tratta ormai di una regola. Che stavolta andrà oltre ogni aspettativa. Meccano, la sua nuova esposizione temporanea a Pietrasanta (LU), è una grande e variegata mostra personale retrospettiva di opere d’arte realizzate dalla fine degli anni Sessanta fino ad oggi, la metà delle quali non è mai stata ammirata in Italia. Curata da Enrico Mattei, la mostra prosegue fino al 6 febbraio 2022.

Alla Manifattura Tabacchi, via delle Cascine 35 c’è Thinking Beyond – Moving Images for a Post-Pandemic World a cura di Leonardo Bigazzi, dal martedì alla domenica ore 15- 20, fino al 12 dicembre. Lunedì chiuso www.manifatturatabacchi.com 

La XIII edizione della Florence Biennale, mostra internazionale di arte contemporanea e di design, prosegue con un evento speciale che raggruppa le opere dei vincitori del Premio internazionale “Lorenzo il Magnifico” in uno spazio unico e prestigioso: l’Accademia delle Arti del Disegno. Tra la novità della XIII edizione della kermesse internazionale, conclusasi il 31 ottobre scorso, vi è infatti la “Mostra dei vincitori”, vera e propria parata delle opere che hanno vinto il primo premio assegnato da una Giuria internazionale nelle rispettive categorie, oltre all’opera premiata “dal pubblico” e quella del “miglior artista emergente”. La mostra sarà allestita negli spazi dell’Accademia delle arti del disegno – in via Orsanmichele 4 a Firenze – e si inaugurerà sabato 13 novembre alle 17, per poi proseguire fino a sabato 4 dicembre 2021, sempre con ingresso libero.

Amici della Musica di Firenze, Concerti della Liuteria Toscana, Conversazioni in San Francesco, Firenze, Teatro della Pergola di Firenze, Teatro di Rifredi, Teatro Puccini di Firenze, Toscana, week end

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080