La Francia conferma la sua posizione

Parigi: ingresso Ucraina nella Ue non prima di 15-20 anni. Doccia fredda del nuovo ministro degli esteri

Il Palazzo dell'eliseo a Parigi
Il Palazzo dell'eliseo a Parigi
Il Palazzo dell’eliseo a Parigi

PARIGI – Il nuovo governo francese nominato da Macron, che dovrebbe vedere la luce ufficialmente domani, non sembra partire sotto i migliori auspici dal punto di vista di Zelensky, e gela l’Ucraina, prevedendo tempi molto lunghi per la sua adesione alla Ue.

“Per l’ingresso dell’Ucraina nell’Ue ci vorranno 15 o 20 anni, sarà molto lunga”, ha detto il nuovo ministro francese per gli Affari europei, Clement Beaune, affermando che nel frattempo potrebbe entrare a far parte della comunità politica europea proposta dal presidente Emmanuel Macron. Si tratta di un’affermazione realistica, che tiene conto delle procedure necessarie all’adesione e che apre uno spiraglio all’Ucraina.

Il nuovo ministro degli esteri, Clement Beaune, non ha fatto altro, in realtà, che ribadire quello che aveva già annunciato in passato Macron, suscitando l’ira funesta del presidente ucraino.

adesione, parigi, Ucraina, ue


Ezzelino da Montepulico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080