La bozza di risoluzione

Ucraina: documento del governo in vista del consiglio europeo del 23 giugno. M5S: no armi a Kiev. Ma Di Maio stoppa Conte

Mario Draghi

ROMA – Il movimento 5 stelle sta preparando una mina al governo Draghi: ossia una risoluzione nella quale si dice che l’Italia s’impegna a non inviare più armi all’Ucraina. Tutto questo in vista del voto di martedì dopo la comunicazioni del premier Mario Draghi sul Consiglio europeo del 23-24 giugno sull’Ucraina. Me i grillini sono spaccatissimi: c’è chi fa la voce grossa, come Conte, e chi, invece, è attaccato alla poltrona della Farnesina, come Di Maio. Che farà di tutto per non far cadere Draghi. Infatti afferma: “Con la Nato o l’Italia è a rischio”.

Nel Pd, ma anche in Italia Viva e perfino nella Lega, c’è chi sostiene che Conte e i suoi abbiano già passato il segno. Questa posizione, insieme al sostegno cieco al reddito di cittadinanza (che sta affossando l’economia e il turismo nel nostro Paese) non sono più tollerabili. Se Conte vuole andare a votare lo si accontenti. Purtroppo quello del M5S è il ruggito del topo: è troppa la paura di deputati e senatori (e del citato Di Maio) di perdere anche un solo mese, prima di fine legislatura, della lauta prebenda che gli viene pder il momento assicurata.

In ogni caso, i fatti sono questi: i partiti che sostengono il governo Draghi lavorano alla risoluzione da votare martedì dopo le comunicazioni del premier sul Consiglio Ue. La maggioranza ha concordato per ora su 5 dei 6 contenuti da inserire nel testo rimandando l’ultimo a una riunione prevista per lunedì. Tutti d’accordo sull’adesione di Kiev all’Ue, la revisione del Patto di Stabilità, gli interventi per famiglie e imprese in difficoltà per gli effetti della guerra, il RepowerEu per l’energia e il rafforzamento delle proposte sul futuro dell’Unione.   

 Il problema, come detto, è nella bozza di risoluzione che riguarda l’Ucraina. Dove si legge”Si impegna il governo a non procedere, stante l’attuale quadro bellico in atto, a ulteriori invii di armamenti che metterebbero a serio rischio una de-escalation del conflitto pregiudicandone una soluzione diplomatica”. Ma è molto difficile che questa risoluzione possa passare senza traumi.

armi all'Ucraina, Conte, Di Maio, draghi, M5S


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080