Genova: Tir con 900 chili di droga precipitò nel crollo del Morandi. Intercettati i clan che tentavano di recuperarlo

Ponte Morandi, a Genova, crollato il 14 agosto del 2018 (Foto ANSA)

GENOVA – Ci sarebbe stato anche un camion frigorifero carico droga, tra i mezzi pesanti che il 14 agosto 2018 precipitarono dal ponte Morandi. Lo avrebbe rivelato un’intercettazione telefonica del marzo 2020 tra un boss di Rosarno e un affiliato nell’ambito di un’inchiesta del Ros di Reggio Calabria che ha portato all’arresto di 76 persone.

In base a quanto emerso dalle conversazioni ascoltate dagli investigatori, dentro un camion, un “eurocargo” di colore giallo, qualcuno avrebbe nascosto nella cella frigorifera 900 chilogrammi di hashish. Uno dei due interlocutori intercettati al telefono spiega: “Al primo pilone che cade, nel secondo c’è questo camion giallo… Lo vedi benissimo…”. E all’altro che chiede se l’autista sia morto chiarisce: “No è caduto ‘paru’ (in orizzontale), si è seduto insieme al ponte, automaticamente gli è caduta una macchina sopra. L’autista però era già uscito, si sono salvati pure quelli della macchina”.

La droga, insieme al camion, è quindi finita in un deposito per i veicoli incidentati prima a Genova, poi è stato spostato a Latina e infine è arrivato fino a Frosinone. “Nel discutere dei futuri traffici di stupefacente il boss faceva riferimento a un cargo frigo imbottito di hashish e rimasto coinvolto nel triste evento del crollo del ponte Morandi. Una partita destinata a dei malavitosi campani”, scrive il gip Vincenza Bellini nella relazione.

Per tentare di recuperare l’eurocargo sarebbe stato ingaggiato l’affiliato che, seppur ai domiciliari, “con le proprie aderenze nel settore del recupero rottami, avrebbe potuto individuare e trasportare la carcassa del mezzo”. L’obiettivo era recuperare la droga e spartirla al 50%. Questo fregando “i neri” da cui stavano comprando il fumo: “Loro sanno che si è perso punto” si legge nella trascrizione dell’intercettazione: “Noi stiamo ancora comprando da loro, quindi io questi 900 chili di fumo glieli voglio fottere”.

Dalla Procura di Genova fanno sapere che allo stato nessuna intercettazione è stata finora trasmessa ai magistrati genovesi che indagano sul crollo del viadotto sul Polcevera e per il quale è in corso il processo. Al momento non è noto se il carico di droga sia stato recuperato.

900 chbili di droga, Crollo ponte Morandi, tir

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da C.A.T. - Confesercenti Toscana S.R.L.
Registro Operatori della Comunicazione n° 39741
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: