Piaggio di Pontedera: mille esuberi, l’azienda chiede contratti di solidarietà

Operai Piaggio, destino nebuloso per mille
Operai Piaggio, destino nebuloso per mille
Operai Piaggio, destino nebuloso per mille

PONTEDERA (PI) – Nell’ultimo incontro con la Piaggio svoltosi martedì 17 dicembre,  l’azienda ha presentato un documento in cui chiede la stipula di contratti di solidarietà difensivi anche per le meccaniche e le 2 ruote, dopo l’accordo di febbraio che riguardava veicoli commerciali ed impiegati.

Potremmo avvicinarci a mille esuberi. Nell’accordo del febbraio scorso che riguardava come già detto i veicoli commerciali e gli impiegati, gli esuberi per i quali era stata aperta una procedura di mobilità, chiusa poi grazie all’accordo sui contratti di solidarietà, erano 469.

La Fiom di fronte ad un atto del genere dichiara che non esclude di firmare i contratti di solidarietà,  ma contemporaneamente ritiene indispensabile discutere di cosa significa questa dichiarazione di crisi tale da dover ricorrere allo strumento dei contratti di solidarietà. «Prendiamo atto che la Piaggio smentisce nei fatti quanto detto dal proprio Presidente il 16 ottobre, il quale aveva rilasciato dichiarazioni rassicuranti per lo stabilimento di Pontedera, salvo poi mettere nero su bianco una richiesta di estensione a tutto lo stabilimento dei contratti di solidarietà» dicono dalla Fiom.

La Fiom Cgil chiede la convocazione dell’unità di crisi al Ministero e sottolinea: «Tanto per fare un esempio non crediamo sia ancora accettabile che oltre il 17% del  totale dei motori prodotti vengano importati dalla Cina o da altri paesi e contemporaneamente  si dichiari un numero così alto di esuberi a Pontedera».

cgil, esuberi, lavoratori, piaggio, pontedera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080