Una vittoria della Lav

Corte di Cassazione: astici e aragoste in ghiaccio è reato. Cucinarle vive si può. Multa a ristoratore di Campi

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

ROMA – La Corte di Cassazione si pronuncia anche sui crostacei. E sentenzia che astici e aragoste in attesa si essere portati in tavola provano dolore. Un conto è cucinarli quando sono ancora vivi (una «consuetudine sociale»), altro è conservarli in modo da arrecare loro sofferenze causate dalla detenzione. Ragion per cui commette reato di maltrattamenti di animali chi li conserva in modalità impropria, come ha fatto un ristoratore di Campi Bisenzio, che conservava i crostacei sotto ghiaccio e con le chele legate.

La Cassazione ha così confermato la sanzione per 5mila euro, nonché il risarcimento danni alla Lav, la Lega antivivisezionista. «Non può essere considerata come una consuetudine socialmente apprezzata – scrive la Cassazione – il detenere questa specie di animali a temperature così rigide, tali da provocare sicure sofferenze, se ci sono sistemi più costosi per conservarli in maniera più rispettosa. Non costituisce invece reato di maltrattamento il cucinarli vivi. Infatti, la particolare modalità di cottura può essere considerata lecita in forza proprio del riconoscimento dell’uso comune».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.