Restituiti al vescovo di Volterra, monsignor Alberto Silvani

Volterra (Pi): reperti rubati recuperati e restituiti, dopo 34 annni, dai carabinieri al Museo diocesano d’Arte Sacra

VOLTERRA (PISA)- I carabinieri del comando del Nucleo di Tutela del Patrimonio Culturale, di Firenze, hanno restituito al Museo Diocesano di Arte Sacra di Volterra (Pisa), un reliquiario ed un bacile del valore di oltre 300.000 euro rubati nello stesso museo la notte di Natale del 1984 insieme ad altri sette oggetti devozionali. Si tratta di un dittico reliquiario in legno e vetro del XIV secolo raffigurante una ”Madonna con Bambino” e ”Crocifissione”, attribuito al Maestro dei putti bizzarri, e di un bacile in terracotta smaltato con orifiamma di San Bernardino, del XIV secolo realizzato nella zona di Pomarance – San Dalmazio.
Le indagini dei carabinieri avevano consentito di recuperare parte della refurtiva già nel 1985, nell’abitazione di un collezionista romano, mentre altra parte fu trovata nel 1997, in una mostra di antiquariato a Siena.
Ora, di recente, nell’ambito di due distinte operazioni condotte dal Reparto operativo del comando Tpc di Roma (per il recupero del bacile) e dal Nucleo di tutela del patrimonio culturale di Firenze (per il ritrovamento del dittico), fatte per contrastare l’illecita commercializzazione di beni di natura ecclesiastica, sono stati individuati anche i due beni restituiti ieri al vescovo di Volterra, monsignor Alberto Silvani. La cerimonia di restituzione dimostra come, anche a distanza di circa 34 anni dal furto, la catalogazione di un bene
culturale sia di fondamentale importanza, per risalire un giorno, anche lontano, ai legittimi proprietari e restituirlo.

carabinieri, museo diocesano, reperti, volterra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080