La denuncia della Cisl

Scuola: pensionamento anticipato, potrebbe superare 30.000 unità

di Redazione - - Cronaca, Economia

ROMA – «Nelle nostre sedi c’è grande affluenza di docenti che vogliono lasciare la scuola anticipatamente per difficoltà dal punto di vista professionale: l’esodo dalla scuola potrebbe superare le 30 mila unità». A dirlo è Maddalena Gissi, leader della Cisl scuola. Quest’anno
sono state oltre 150 mila supplenze il prossimo saranno ancora di più, la speranza è che si proceda celermente a nuovi concorsi e a dare risposte a coloro che hanno maturato esperienza e vanno stabilizzati, spiega Gissi.
Il sindacato ha proposto un questionario per capire il perchè si accetta retribuzione minore, pur di lasciare la scuola: da quanto emerge prevalgono il disamore per una attività professionale che non è più gratificante e la scarsa attenzione da parte delle scelte politiche dei governi nei confronti del mondo della scuola. «E’ un esodo discriminatorio – fa notare Gissi -: chi ha bisogno di lavorare ed e’ padre o madre di famiglia non potrà accedervi».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.