Le proteste dei risparmiatori truffati

Arezzo: udienza crac di Banca Etruria, manifestazione delle vittime del salvabanche

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

AREZZO – Domani, in occasione dell’udienza per falso in prospetto nel processo sul crac di Banca Etruria, l’associazione ‘Vittime del Salvabanche’ sarà presente di fronte al tribunale di Arezzo per un sit-in di protesta. Lo annuncia l’associazione tramite il profilo del presidente Letizia Giorgianni su Facebook

“Appare quanto mai evidente che la prescrizione dei reati sia il fine che si vuole ottenere. Tra una manciata di mesi infatti andranno in prescrizione i reati contestati nel 2013, anno in cui, all’interno della Banca vennero commessi i maggiori illeciti”, denuncia Giorgianni che nel post sul social scrive: “Avrei una domanda da fare ai giudici impegnati nell’inchiesta di Banca Etruria… Secondo loro, cos’è stato a provocare il collasso di questa Banca? Si tratta di una questione non certo irrilevante visto che ha portato all’azzeramento di 35mila risparmiatori tra obbligazionisti e azionisti, oltre ai disastrosi effetti a catena provocati nel tessuto sociale ed economico della città, del territorio intero”.

“Come è possibile che la ‘banca dell’oro’, poggiata al ricco settore dell’oreficeria aretina sia stata travolta da un buco di 526 milioni di euro e 2 miliardi di sofferenze? La mia domanda è più che lecita dal momento che, a distanza di 4 anni non c’è ancora stata nessuna condanna, solo continui rinvii e, addirittura, trasferimenti sospetti, di giudici che si occupavano dell’inchiesta a pochi giorni dalla sentenza”, conclude la presidente dell’associazione.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.