tre nuclei familiari ne fruiscono

Piombino: reddito di cittadinanza, tre denunce per illecita percezione

Un’auto della Guardia di Finanza in un’immagine d’archivio. ANSA/CESARE ABBATE

PIOMBINO – Per illeciti contro il reddito di cittadinanza a Piombino (Livorno) denunciate tre persone per indebita percezione. Giro di vite contro le indebite percezioni di erogazioni pubbliche in questo frangente di emergenza pandemica da parte della compagnia della Guardia di Finanza. Con indagini patrimoniali e riscontri mirati su tutta la Val di Cornia, le Fiamme Gialle, in sinergia e collaborazione con l’Inps, hanno accertato che due donne e un uomo, un’italiana, una romena e un marocchino, con i rispettivi nuclei familiari, tutti residenti a Piombino, hanno presentato la domanda per l’accesso alla misura di sostegno pur non avendone i requisiti. I tre sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno per il reato di indebita percezione del Reddito di cittadinanza e segnalati all’Inps per l’irrogazione della sanzione amministrativa di revoca/decadenza del beneficio nonché per il recupero delle somme.

finanza, Piombino, reddito cittadinanza

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080