Firenze: confiscati beni per 2 milioni a imprenditore. L’indagine antimafia Vello d’oro

Un’auto della Guardia di Finanza in un’immagine d’archivio. ANSA/CESARE ABBATE

FIRENZE – La Guardia di finanza di Firenze ha eseguito un decreto di confisca antimafia del valore di oltre 2 milioni di euro nei confronti di un imprenditore cinquantenne, di origini calabresi e domiciliato nell’Empolese. Il provvedimento, disposto dal tribunale di Firenze, fa seguito ai sequestri eseguiti tra il 2019 e il 2020 dei beni dello stesso imprenditore, destinatario di misure di prevenzione patrimoniale nell’ambito di un’indagine nata dall’operazione Vello d’Oro, coordinata dalla Procura della Repubblica di Firenze e condotta da Gdf e carabinieri.

Nel febbraio 2018 aveva portato all’arresto di 14 persone tra la Calabria e la Toscana, per reati che vanno dall’associazione per delinquere all’estorsione, dal sequestro di persona all’usura, dal riciclaggio all’abusiva attività finanziaria, dall’emissione di fatture per operazioni inesistenti al trasferimento fraudolento di valori, anche con l’aggravante del metodo mafioso. A seguito delle indagini svolte dal nucleo di polizia economico-finanziaria delle fiamme gialle fiorentine nei confronti dell’imprenditore, sarebbe emersa, spiega una nota, “sia la condizione della pericolosità sociale del predetto imprenditore, gravemente indiziato dei reati di riciclaggio e autoriciclaggio, sia una forte sproporzione tra il valore dei beni di cui aveva la disponibilità, anche per interposta persona e il reddito dal medesimo dichiarato”.

antimafia, Guardia di Finanza, imprenditore

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080