Invece basterebbe una telefonata fra Putin e Zelensky

Teatrino politico: Salvini a Mosca? Protestano Letta, Meloni, Renzi e Calenda. Lui ci ripensa: “Vado se serve”

Matteo Salvini ANSA/ANGELO CARCONI

Matteo Salvini vuole volare a Mosca per cercare uno spiraglio di pace fra Putin e Zelensky, ma la pace, o meglio un accordo unilaterale contro di lui scatta in Italia. Un coro di proteste, equamente divise e con sincere preoccupazioni : il proposito di Matteo Salvini di volare a Mosca per dare un suo contributo alla ricerca della pace, per una volta sembra mettere d’accordo l’intero arco parlamentare e il governo. Il leader della Lega ne prende atto, si dichiara “sconcertato e stupito” per le reazioni e prende tempo : “Non ho certezze che ci andrò, ci stiamo lavorando. E si va se serve” . E’ il teatrino della politica, bellezza.

MATTONCINI – Ma perchè, i nostri leader politici, non si parlano per telefono, senza twitter o comunicati stampa? Le parole, comunque, arrivano dopo una giornata di commenti negativi, quelli che il leader leghista definisce “il coro di sottofondo di Letta, Meloni, Renzi, Calenda e degli intellettuali radical chic che preferiscono le armi e il conflitto”.Che insiste comunque nel sottolineare l’esigenza di provare a cercare uno sbocco diplomatico con ogni mezzo e da parte di tutti: “qualunque politico dovrebbe fare il suo”. Soprattutto, dice, “non vado a nome del governo, metto il mio mattoncino”. E di mattoncino in mattoncino si dichiara disposto a volare anche a Kiev.

DRAGHI – La sua iniziativa è contrastata innanzitutto dal governo. “Con Putin ci parla Draghi. Consiglio molta prudenza. Andare a Mosca è una cosa complicata. Ognuno di noi quando fa un’azione del genere rappresenta tutto il Paese” è infatti l’altolà del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Il quale chiede innanzitutto responsabilità: “Il governo italiano non sapeva di questa intenzione, quanto passi fra intenzione e ciò che accadrà non lo so, fatto sta che queste vicende richiedono ulteriore responsabilità, in un momento così delicato è la postura del Paese che viene rappresentata”. Ancora più fredda la reazione del ministro della Difesa. “Non commento ipotesi di viaggi anche abbastanza improbabili” afferma Lorenzo Guerini. “Il mio è un rafforzare l’opera del governo, non è un sostituirmi a nessuno. Sono piccolissimo e faccio quello che posso” si difende Salvini che alza le mani: “viste le reazioni isteriche, soprattutto della sinistra: avere insulti, minacce e attacchi per una missione di pace fa riflettere. Se devo creare divisioni sto con i miei figli”. Per ora, quindi, la partenza del segretario della Lega è in stand by: “Se non partirò domani, magari sarà fra una settimana o quindici giorni”.

MELONI – Ma il solo proposito è bastato a scatenare gli avversari politici, tanto che gli unici a non scagliarsi contro sono gli azzurri, imbarazzati dopo essere finiti nel tritacarne per le recenti dichiarazioni di Berlusconi su Putin. Giorgia Meloni, invece, è quasi più caustica del centrosinistra: sulla guerra mette in guardia dal pericolo di rappresentare un’Italia “spaghetti e mandolino” solo per tornaconto elettorale. mentre “In gioco ci sono interessi nazionali, in gioco c’è la nostra credibilità futura”. Quanto al viaggio di Salvini, “immagino – la butta lì – che ne abbia parlato col governo di cui fa parte. Non bisogna dare segnali di crepe sul proprio fronte: serve una grande solidità dell’Occidente”. Anche il segretario del Pd che già ieri aveva derubricato i propositi di Salvini come iniziative “strampalate”, oggi rincara la dose: “un’ennesima boutade, derubricata a folclore”.

TELEFONATA – Per il resto, gli attacchi dei partiti sono quasi tutti sulla stessa lunghezza d’onda: il dem Andrea Marcucci ironizza sulla “rimpatriata tra vecchi amici in Russia”, la presidente dei senatori Pd, Simona Malpezzi, parla di azione “estemporanea e senza senso”; “va oltre il ridicolo” commenta Alessia Rotta. “Vai a baciare il caciocavallo, saluta le mucche sulla spiaggia e lascia lavorare gli adulti”, attacca Carlo Calenda e Nicola Fratoianni derubrica l’iniziativa ad una “scampagnata”. Il ministro 5 Stelle Di Maio evoca la “performance della trasferta in Polonia” e ricorda all’ex alleato che la guerra in Ucraina “non è un tema da tour estivo”. L’ex azzurro Osvaldo Napoli ha una sua teoria: “A scorrere le agenzie, sembra quasi che il capo della Lega abbia più titoli di Zelenski e di Putin. E tutto gratis”. Come accade nel teatrino della politica. Mi chiedo: ma Putin e Zelensky ce l’hanno un telefono? Possono cominciare a parlarsi direttamente? Uno ha perso 30mila soldati, una generazione di ventenni, l’altro ha un paese semidistrutto. Una telefonata salverebbe la vita. Di tutti.

Calenda, Letta, Meloni, putin, renzi, Salvini, Zelensky


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080