Sea Watch: migranti redistribuiti in 5 Paesi. Salvini contro i parlamentari a bordo. La nave avrebbe rischiato di travolgere la motovedetta

Sea Watch, la comandante, poi arrestata, contornata dai parlamentari

ROMA – «Avevamo chiesto l’arresto di una fuorilegge che stanotte ha anche messo a rischio la vita di uomini delle forze dell’ordine italiane, la multa per questa Ong straniera, il sequestro della nave, che ha finito di andare in giro per il Mediterraneo a infrangere leggi, e la distribuzione di tutti gli immigrati a bordo in altri paesi europei e quindi abbiamo fatto bene a chiedere che le leggi fossero rispettate. Mi sembra che giustizia sia fatta. Abbiamo avuto ampie rassicurazioni che tutti gli immigrati a bordo siano divisi in 5 paesi che ringrazio. Brilla per la sua assenza e il suo vergognoso menefreghismo il governo olandese che, ripeto, ha dato una bandiera a una nave fuorilegge fregandosene di quello che poi il suo equipaggio è andato poi a fare per il Mediterraneo». Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini, che aggiunge: «Sono incredibili dei parlamentari italiani a bordo di una nave privata straniera che infrange le leggi italiane che stanotte ha messo a rischio la vita di uomini delle forze dell’ordine italiane. Io, fossi in loro e nei loro elettori, mi vergognerei».

Emergono infatti alcune indicazioni provenienti da fonti della Guardia di Finanza. La Sea Watch avrebbe forzato il blocco e posto in pericolo l’incolumità dell’equipaggio della Guardia di Finanza. Con un’azione criminale la nave avrebbe schiacciato contro  la banchina l’imbarcazione dei militari, che hanno rischiato di morire e spargendo il terrore sulla motovedetta che ha rischiato di essere travolta da un bestione di 600 tonnellate. Alla fine il commento più apprpriato, «salvano vite e poi rischiano di uccidere uomini dello Stato».

La comandante Carola ha dunque sfidato il divieto delle autorità italiane e poco prima delle tre di notte è stata prelevata dagli uomini della Guardia di finanza che l’hanno portata in auto nei locali del comando sull’isola, dove è stata raggiunta dal suo avvocato. La capitana andrà agli arresti domiciliari. È stata infatti arrestata in flagranza di reato per violazione dell’Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre a 10 anni di reclusione. La Procura di Agrigento le ha contestato anche il tentato naufragio della motovedetta della Guardia di Finanza, speronata dalla nave durante la manovra di attracco.

politici, Salvini, sea watch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080