archivio autori

Rosa Maria Di Giorgi

Rosa Maria Di Giorgi

Senatore della Repubblica
redazione@firenzepost.it

Fondi per i Nuovi Uffizi, risanamento del Maggio e Forum Mondiale Unesco

Il Decreto Cultura investe su Firenze

di Rosa Maria Di Giorgi - - Lente d'Ingrandimento, Politica

Alla scoperta dei tesori di Firenze con il Museo diffuso urbano

Saranno destinati 8 milioni di euro per la realizzazione del progetto Nuovi Uffizi e 400 mila per l’organizzazione del Forum mondiale Unesco sulla Cultura 2014. Approvato in Senato un emendamento del Pd con una modifica al Codice dei beni culturali che permetterà di tutelare e valorizzare l’artigianato artistico e le botteghe storiche.

Presentato il decreto legge «Valore Cultura»

Cultura, motore dello sviluppo economico italiano

di Rosa Maria Di Giorgi - - Cultura, Lente d'Ingrandimento, Politica

C’è la volontà di rilanciare la cultura come motore economico del paese, con misure che alternano investimenti e rigore gestionale, attenzione ai giovani e più ampia fruibilità di prodotti culturali. Interventi duri, ma necessari per evitare il tracollo di molti di realtà prestigiose, come il Maggio Musicale Fiorentino.

Dopo l'ingiusta espulsione di Anna Shalabayeva e della figlia

Perché Alfano deve dimettersi

di Rosa Maria Di Giorgi - - Lente d'Ingrandimento, Politica

Angelino Alfano

Un gesto di responsabilità istituzionale, per dare forza e credibilità al Governo Letta. Per questo chiediamo al ministro Alfano di dimettersi, dopo la brutta storia che ha visto coinvolto il nostro Paese e il Kazakistan, per la rocambolesca e vergognosa estradizione della signora Anna Shalabayeva e di sua figlia, una bambina di 6 anni.

Perché voterò la fiducia al governo Letta

Appunti dal Senato: un discorso di legislatura

di Rosa Maria Di Giorgi - - Lente d'Ingrandimento, Politica

Un discorso di legislatura, quello che il presidente del consiglio Enrico Letta ha rivolto ieri al Parlamento. Noi al Senato lo abbiamo ascoltato in collegamento televisivo dalla Camera. Dopo la fiducia ottenuta nell’aula di Montecitorio oggi toccherà ai senatori. Ecco perché voterò a favore.